PROVINCE ALPINE: CONFRONTO A VOGOGNA

montagna  e dintorniSi terrà al Castello Visconteo di Vogogna, venerdì 24 ottobre, alle ore 20.45 il primo confronto tra le tre “province alpine”, all’indomani del riconoscimento della specificità montana con la legge Delrio e del varo delle nuove amministrazioni dopo il voto
del 12 ottobre, per iniziare a delineare i contenuti del nuovo ente locale, la cui peculiarità legislativa sta facendo molto discutere. Sarà nell’ambito della rassegna “Montagna e Dintorni”, che i protagonisti politici, amministrativi e istituzionali dei nuovi enti si ritroveranno tutti insieme per la prima volta dando vita a un confronto che si preannuncia ricco di novità e certamente di livello nazionale.
Al confronto ossolano, infatti, hanno assicurato la loro partecipazione i presidenti delle “tre sorelle della specificità”, come recita il titolo della serata: Stefano Costa, presidente del Verbano Cusio Ossola, Luca Della Bitta, presidente di Sondrio, e Daniela Larese Fillon, presidente di Belluno.
Insieme a loro i tre parlamentari che a livello nazionale hanno lavorato per la nascita dei nuovi enti: l’on. Enrico Borghi, ossolano e “padrone di casa”, il senatore Mauro Delbarba, valtellinese, e l’on.
Roger De Menech, bellunese.
Interverrà anche il vicepresidente della Regione Piemonte, Aldo Reschigna, che detiene la delega agli enti locali e al bilancio.
Molto atteso anche l’intervento del dottor Giovanni Vetritto, dirigente del dipartimento affari regionali della Presidenza del Consiglio dei Ministri.
La serata avrà il compito di entrare nel merito dei contenuti della riforma, che attribuisce alle tre province alpine di Sondrio, Belluno e Verbano Cusio Ossola una particolare condizione di autonomia amministrativa sulla base della caratteristica di montanità di tali territori, e di delineare attraverso quali strade sia possibile concretizzare il presupposto legislativo in un contesto economico-finanziario che vede una fortissima compressione della spesa pubblica e una serie di tagli a Regioni ed enti locali.

La Provincia del VCO è in condizioni di pre-dissesto

Stefano Costa, consigliere provinciale PD
Stefano Costa

La Provincia del Verbano Cusio Ossola è in condizioni di pre-dissesto,  e si rendono necessari provvedimenti straordinari di riequilibrio per assicurarne la prosecuzione delle attività.
E’ questo l’esito dell’incontro, tenutosi lunedì al Viminale a Roma, tra il massimo dirigente responsabile della finanza locale del Ministero dell’Interno, Dott. Giancarlo Verde, e il presidente della provincia del VCO, Stefano Costa, accompagnato nella circostanza dal deputato democratico On. Enrico Borghi.
La ricognizione compiuta sullo stato delle finanze provinciali ha consentito di effettuare un quadro completo e aggiornato della situazione dell’ente, che a fronte delle circostanze analizzate ha di fronte a sé, come unica possibilità per avviare un percorso di risanamento, la dichiarazione dello stato di pre-dissesto e l’avvio di provvedimenti straordinari di riequilibrio che sono stati oggetto degli approfondimenti con l’On. Borghi.
In particolare, al fine di assicurare la possibilità di non sospendere i servizi di pubblica utilità a cui è legata la sicurezza e l’incolumità della cittadinanza, sono stati studiati quattro provvedimenti straordinari che sarà cura dell’On. Borghi presentare nel percorso di approvazione del decreto “Sblocca Italia” e della legge di stabilità 2015, i quali darebbero all’ente la possibilità di garantire il servizio di sgombero neve e il servizio di riscaldamento scolastico.

Tali provvedimenti risultano essere:
1) la riduzione della sanzione per gli enti che non hanno raggiunto gli obiettivi di patto, limitandola al 3% delle entrate correnti (anziché commisurarla all’effettivo scostamento tra il risultato e l’obiettivo programmatico predeterminato);
2) la rateizzazione in 10 anni del pagamento di tale sanzione, e l’esclusione degli effetti finanziari corrispondenti dal patto di stabilità;
3) il rinvio di 5 anni nel pagamento dei mutui per gli enti locali che si ritrovano nelle procedure di pre-dissesto o di dissesto;
4) la manleva di fronte alla Corte dei Conti per i dirigenti degli enti locali che in tali circostanze assicureranno la sottoscrizione delle determine di liquidazione per i servizi di sgombero neve e riscaldamento scolastico.

L’incontro di stamattina ha consentito di chiarire che, anche in caso di procedura di pre-dissesto, la  Provincia del VCO potrà continuare ad operare per progetti ed interventi in conto capitale, assistiti da fondi europei, nazionali o regionali, senza che venga pregiudicata la capacità realizzatrice dell’ente sul versante degli investimenti.
Sulla scorta di tutto ciò, è intenzione del nuovo presidente della Provincia Stefano Costa adottare una specifica delibera nel corso del primo consiglio dell’ente ricostituito - fissata per il prossimo 3 novembre - nella quale evidenziare che, alla luce di tali circostanze, è possibile non sospendere i servizi di pubblica utilità, al fine di garantire l’incolumità della cittadinanza e i servizi minimi essenziali in materia di viabilità, pulizia neve e riscaldamento scolastico.
Dice il Presidente Costa“la situazione permane difficile ma corre l’obbligo di ringraziare l’On. Borghi per aver promosso questo incontro che, se non altro, consente ancora un margine di doverosa azione alla politica. Intendo ora condividere al più presto le soluzioni prospettate con i consiglieri provinciali e con tutti i sindaci, affinché si possano mettere in atto scelte e determinazioni concertate con il territorio che vadano, prima di tutto, nella direzione di una ferma salvaguardia dei servizi primari in un momento così delicato di avvicinamento della stagione invernale che metterà alla prova la tenuta unitaria di tutti gli enti pubblici della nostra provincia”.

A tale proposito, l’onorevole Enrico Borghi ha affermato: “la situazione della Provincia è oggettivamente complicata, e da oggi – grazie a questa ricognizione effettuata dal presidente Costa insieme con i vertici del Viminale – ci mettiamo al lavoro a testa bassa per assicurare l’adozione di quei provvedimenti legislativi straordinari che consentano all’ente di scavallare finanziariamente l’anno garantendo i servizi essenziali. Credo che ci siano già le condizioni per intervenire su alcuni aspetti sin dal decreto Sblocca Italia che è in queste ore alla Camera. Penso che sarà importante, a tale proposito, il confronto che potremo avere a Verbania il prossimo mercoledì con il sottosegretario agli Interni on. Giampiero Bocci, con il quale proseguiremo e approfondiremo sul campo quanto oggi fatto a Roma con le strutture tecniche del ministero”.

Comunicato Provincia del VCO

Migliorare la manovra si può

Marco Travaglini
Marco Travaglini

Nella manovra economico-finanziaria prospettata dal governo c’è una linea espansiva e questo è un fatto positivo. Lo chiedevamo da tempo, come sinistra del Pd.
Va bene ridurre la pressione fiscale su lavoro e impresa e la conferma degli 80 euro in busta paga. Una domanda è però nevessaria: si toglie l’Irap a tutte le imprese per 5 o 6 miliardi? Perché non rendere quell’intervento selettivo e togliere la tassa a chi investe davvero su innovazione (di processo e prodotto) e su assunzioni reali?
Le risorse “risparmiate” si potrebbero indirizzare su altre voci che al momento paiono sospese (anche nella logica della manovra), dagli esodati ai fondi aggiuntivi per il diritto allo studio, al fondo per le politiche sociali (in particolare con il passaggio dalla sperimentazione a regime del ‘sostegno per l’inclusione attiva’, misura voluta per colmare il vuoto di un istituto di contrasto alla povertà).
E’ giusto tagliare gli sprechi nella spesa pubblica. Ma attenzione: un conto sono gli sprechi, un altro sono gli investimenti in servizi già colpiti al cuore. L’allarme dei presidenti di Regione, guidati da Sergio Chiamparino, per il rischio di tagli lineari non è la reazione di una casta di privilegiati ma l’enorme preoccupazione di chi sta in frontiera nei rapporti con le persone e i loro bisogni.
Parliamo, per capirci,  di diritti di cittadinanza primari: sanità, non autosufficienza, programma sulle disabilità, asili nido e così via. Tasse e spesa pubblica sono due gambe del tavolo. Ma un tavolo stabile si regge su quattro gambe.
Le altre due sono: investimenti pubblici in infrastrutture (basta guardare a Genova e più vicino alla nostra viabilità nelle valli e sulle litoranee per capire di quale urgenza stiamo parlando), mentre la quarta gamba è combattere nei fatti la povertà.
Chi non arriva a ottomila euro lordi all’anno, i pensionati al minimo, i precari a vita non può essere lasciato solo. Adesso sarà compito del Parlamento e del gruppo del PD discutere e migliorare la manovra. Scegliendo con più coraggio le risorse di contrasto alla precarietà e per estendere le tutele a chi ne è privo oppure orfano. Cambiare si deve ed è evidente a tutti.
Ma occorre cambiare nella direzione giusta, nell’equità e col coraggio di investire le risorse dove serve. E oggi serve creare lavoro, combattere la povertà, rimettere in moto l’economia. A questo serve la sinistra. Cioè, a questo dovrebbe servire.

Marco Travaglini, assemblea provinciale pD VCO

Caso Rimborsi: le dichiarazioni di Reschigna, Trapani e Chiamparino

Il riconoscimento da parte del giudice della mia correttezza in qualità di consigliere regionale mi aiuta a sopportare la situazione, ma non mi assolve. Sono convinto che saprò dimostrare la mia correttezza come quella degli altri colleghi del gruppo”
Leggendo le carte del gup, mi sono scoperto essere dottor Jekyll e mister Hyde, anche se non misento tale”. Così il vicepresidente della Regione Piemonte, Aldo Reschigna, per il quale è stata chiesta l’imputazione coatta nell’inchiesta delle “spese pazze”. “Per le risorse spese come consigliere regionale mi è stata riconosciuta la massima correttezza – spiega – non invece come capogruppo. So bene di non aver usato un solo euro a scopi personali. Mi conforta moltola rinnovata fiducia del presidente Chiamparino.
Aldo Reschigna
Vice Presidente della regione Piemonte

Mi sono presa qualche ora prima di scrivere queste poche righe per commentare la decisione del Gup Roberto Ruscello che questa mattina ha chiesto  “l’imputazione coatta”  per il Vicepresidente Reschigna e altri esponenti del precedente consiglio regionale . Ho letto le motivazioni dell’ordinanza, più volte.
Non mi ha sorpreso leggere che il consigliere Aldo Reschigna non è passibile di un comportamento scorretto imputabile alla sua persona, mi rammarica che debba per il suo  ex ruolo di capogruppo del Pd sopportare ancora un ulteriore passaggio giudiziario. Capisco che quando non ci si sottrae alle responsabilità e si assume una carica di queste si prendono onori e onori. Ho visto Reschigna gestire l’azione politica del gruppo regionale del Pd e pensavo che fosse molto difficile e complesso, oggi mi rendo conto di quanto più grande fosse la sua responsabilità e per questo condivido credo che dimostrerà ancora una volta la sua correttezza nell’azione di Capogruppo.
Nell’attesa che si chiuda definitivamente questa annosa vicenda, auspicando la riconferma dell’archiviazione da parte del nuovo Gip incaricato, ribadiamo tutto il nostro sostegno e la nostra stima a Reschigna perché conosciamo la forza del politico e lo spirito dell’uomo.
E’ giunto però anche il momento di procedere ad una profonda riflessioni interna, perché questa come altre vicende ad altri livelli ed in altri territori che coinvolgono la comunità dei democratici non possono esser lasciate alla discrezione dei singoli. L’errore di uno danneggia tutti e la volontà di incidere e guidare la crescita di una comunità, di una città o di un paese ne risente. Ne risente la proposta politica del Partito Democratico.
Antonella Trapani
Segretario provinciale PD VCO

“Per prendere una eventuale decisione sugli assessori per i quali è stata chiesta l’imputazione coatta aspetteremo il giudizio di primo grado. Siamo di fronte a due livelli della magistratura, il pm che aveva chiesto l’archiviazione, e il gip con la decisione odierna che hanno dato valutazioni opposte. Se la magistratura ha dato due valutazioni diverse sarebbe bizzarro che io dessi la ragione al pm oppure al gip.
Chi ha la titolarità per decidere deciderà, noi intendiamo attendere quel giudizio”.
“E vorrei sottolineare – ha aggiunto – che non siamo di fronte ad un rinvio a giudizio e dovremo attendere probabilmente un paio di settimane perché un altro giudice per le indagini preliminari valuti questa eventualità”.
“Penso che la nostra posizione sia molto limpida e trasparente, non escludo che qualcuno possa non capire, cercheremo di spiegarla”: così il governatore del Piemonte, Sergio Chiamparino sulla scelta di mantenere le deleghe ai due assessori Aldo Reschigna e Monica Cerutti. “Credo che nemmeno la magistratura – ha sottolineato Chiamparino – sarebbe lieta se gli si desse il potere di fare e disfare amministrazioni che stanno lavorando. A questo punto, di fronte a due posizioni diverse all’interno della stessa magistratura si aspetta di andare avanti, eventualmente a dibattimento, e che ci sia il giudizio”
Sergio Chiamparino
Presidente della regione Piemonte

PD Domo: ritrovare un clima di collaborazione

domodossolaLa Segreteria del Partito Democratico di Domodossola, prima forza politica della città, esprime grave preoccupazione per quanto emerge dalle dichiarazioni rilasciate dal sindaco al quotidiano “La Stampa” del 16/10/2014 (riportate qui sotto) e lo esorta a lavorare per ritrovare l’equilibrio necessario a guidare una maggioranza che esige un clima di collaborazione e non di contrapposizione.
Mariano Cattrini ha sempre dichiarato di voler operare per il bene della città, ma per raggiungere tale obbiettivo-ne siamo convinti- non si può prescindere da rapporti più sereni e collaborativi con le altre istituzioni presenti sul territorio.Grazie alla sua lunga esperienza, il sindaco sarà sicuramente capace di ottenere questo risultato.
La segreteria  del PD di Domodossola, nell’esprimere  auguri di buon lavoro a Damiano Delbarba, sottolinea che all’interno del Partito stesso non vi sono fratture ,bensì momenti di dialettica e di confronto, anche serrati, che poi trovano una loro sintesi unitaria. Per questo si lavora con spirito costruttivo,sempre in un’ottica di approfondimento e di soluzione  dei complessi problemi della città.

Segreteria  del PD di Domodossola

Da La stampa del 16.10.2014:
E’ stato il consigliere che ha raccolto più voti alle elezioni provinciali di domenica. Damiano Delbarba si è portato a casa 8.014 «voti ponderati», a conferma che la sua candidatura, osteggiata dai consiglieri di maggioranza del Comune di Domodossola, non era del tutto indigesta.
«Sono più che soddisfatto – commenta Delbarba -. Mi hanno votato 96 consiglieri: questo è positivo per tutto il territorio. Le difficoltà che ho incontrato a Domodossola sono riuscito a trasformarle in opportunità per il territorio». La candidatura di Delbarba aveva spaccato il Pd domese; la maggioranza consigliare si era schierata con il sindaco Mariano Cattrini il quale si era proposto alle elezioni provinciali per poi ritirarsi in aperta polemica. Ora, dopo aver lasciato la carica di capogruppo del Pd in Consiglio, Delbarba abbandonerà stasera la presidenza dell’assemblea del Ciss Ossola. Il livello della polemica resta però alto.
Il sindaco Cattrini conferma quando detto tre settimane fa: «Avevo previsto che Delbarba avrebbe preso molti voti – sostiene -, ma continuo a non ritenerlo una persona di mia fiducia, né un rappresentante mio o del comune di Domodossola. Non ritengo di aver fatto un errore restando fuori dalla Provincia: è stata una scelta coerente a conferma che voglio il bene comune, non il mio». In Provincia è stato eletto anche Lucio Pizzi, consigliere di minoranza: «Con lui ci sono stati sempre rapporti corretti e sereni, continueremo così» dice Cattrini.
Un atteggiamento che Damiano Delbarba dice di non capire: «Ero capogruppo e presidente del Ciss nelle vesti di delegato del sindaco: credo di poter avere un minimo di rappresentanza dal comune di Domo. Di sicuro risponderò all’amministrazione domese, anche a chi non vede di buon occhio la mia elezione»

ACCESSI CARRAI: VERSO L’ABOLIZIONE DEI CANONI ANAS

passo carribaleDal primo gennaio 2015 i canoni annui di accesso alle strade Anas non saranno più dovuti. La commissione ambiente della Camera ha approvato l’emendamento presentato da Enrico Borghi.
Finalmente abbiamo risolto un’ingiustizia che va avanti dal 1998.
Abbiamo semplifcato le procedure, risolto un lunghissimo contenzioso con l’ANAS e dato certezza ai cittadini che risiedono lungo tali arterie (Val Divedro, Valle Vigezzo e Valle Antigorio Formazza, Alto Verbano per rimanere al VCO ) che da anni chiedevano di risolvere il problema.
Ecco il testo del comma 23 bis all’articolo della legge che disciplina gli accessi alle strade che ho proposto insieme ai colleghi De Menech e Miotto e che è stato approvato dalla commissione: “Per
gli accessi esistenti su strade in gestione di ANAS S.p.A. alla data del 31 dicembre 2014, già autorizzati dall’ANAS S.p.A. medesima, a decorrere dal 1o gennaio 2015 non è più dovuta alcuna
somma fno al rinnovo dell’autorizzazione”.
Per il contenzioso precedente tra proprietari e Anas, viene prevista la riduzione del 70 per cento delle somme dovute ad Anas ma non corrisposte.
Ora ci auguriamo che la commissione Bilancio della Camera dia il suo via libera alle modifche.
On. Enrico Borghi