Proseguono le assemblee del PD sul territorio

PDSono in corso di svolgimento le assemblee organizzate dalla segreteria provinciale per un confronto a tutto campo, con i circoli del PD nel VCO,  sui principali problemi politici e amministrativi aperti nel nostro territorio, a partire dai temi della sanità e delle riforme degli enti locali.
Sono invitati iscritti, simpatizzanti e amministratori del PD con la partecipazione , a rotazione, del vice presidente della regione Piemonte Aldo Reschigna, del segretario provinciale Antonella Trapani, dell’on. Enrico Borghi e di un rappresentante del gruppo PD in provincia.
Dopo quelle già svolte a Baveno, Casale Corte Cerro, Crevoladossola, Ghiffa e Gravellona Toce, ecco il calendario delle prossime in Dicembre:
- venerdì 19 dicembre, ore 21.oo ex Chiesetta parco CRI Mergozzo;
- lunedì 22 dicembre, ore 21.oo centro COM Pierdimulera.

 

Borghi: RINVIO IMU AGRICOLA, POSITIVA LA SCELTA DEL GOVERNO

agricoltura in montagnaComunicato stampa
“La decisione assunta oggi dal governo di modificare le modalità relative all’applicazione del decreto legge 66/2014 relative all’IMU agricola nei terreni montani, con l’obiettivo di rinviarne il pagamento stabilito per il 16 dicembre 2014 anche al fine di rivedere i criteri applicativi, comunicato oggi dal sottosegretario Baretta al Parlamento è una scelta positiva da parte del
Governo, che va nel senso della lettera che 127 deputati democratici hanno indirizzato al premier e al ministro Padoan e che dà risposte chiare ai contribuenti.
Ora, al fine di giungere ad una soluzione tecnica che possa essere equa ed efficace, si apra un confronto vero nel merito, partendo dal presupposto che le misure fiscali devono essere figlie della
politica e non affidate ad una pura logica ragionieristica.
In tal senso, occorre lavorare affidando il valore del cespite fiscale non ad una logica altimetrica, ma ad una logica di progressività e di
equilibrata redistribuzione dei redditi in maniera tale da promuovere in montagna l’unica, vera grande riforma che serve, ovvero la ricomposizione fondiaria dalla quale possono discendere veri gettiti fiscali”.
Lo dichiarano in una nota congiunta i deputati democratici on. Enrico Borghi e on. Massimo Fiorio, promotori ieri insieme con il collega on. Walter Verini di un lettera sottoscritta da numerosi
parlamentari Pd nella quale si chiedeva al governo di adottare il provvedimento di rinvio del pagamento dell’Imu agricola oggi sancito.

E’ online il sito web www.repubblicadellossola.it

repubblica ossola resistenzaE’ online il sito web, www.repubblicadellossola.it , dedicato a Casa40, la struttura nata per volontà dell’Amministrazione comunale di Domodossola, in occasione del 70° anniversario della “Repubblica” partigiana dell’Ossola.
Il sito si prefigge l’obiettivo di dare un contributo in termini di contenuti, proponendo un articolato panorama di informazioni testuali e multimediali riguardanti l’esperienza della Repubblica partigiana dell’Ossola.
Naturalmente, il sito è a disposizione di tutti gli Enti, le Associazioni e i Cittadini, che con il loro contributo di notizie, foto e altri materiali, volessero renderlo sempre più bello e ricco.

Province montane, la Camera impegna governo e regioni all’attuazione

On. Enrico Borghi
On. Enrico Borghi

“Il governo e’ impegnato a valutare l’opportunità’ di riconoscere nell’ambito dell’attuazione della legge di stabilità’, e in particolare rispetto all’articolo 35-bis, alle Province interamente montane e
confinanti con Stati esteri le necessarie forme di autogoverno creando condizioni di autonomia amministrativa e finanziaria e a coordinare la sua azione anche con le regioni, affinché’ anche sui
territori vengano riconosciute alle suddette province forme particolari di autonomia finanziaria e amministrativa”.
E’ questo il dispositivo dell’ordine del giorno, a firma dei deputati democratici Roger De Menech ed Enrico Borghi, approvato oggi dall’aula di Montecitorio e recepito dal governo come raccomandazione nell’ambito della legge di stabilità’ 2015.
L’ordine del giorno, dopo aver richiamato i contenuti della legge 56 del 7 aprile 2014, sottolinea che i territori di Belluno, Sondrio e Verbano Cusio Ossola “vengono obiettivamente a trovarsi in
condizione di indiscutibile squilibrio rispetto ai poteri di autogoverno e alla disponibilità’ di risorse riconosciuti in dipendenza di ragioni di storiche e di vincoli di carattere internazionale” e si precisa che “la legge indirizza le regioni a un forte decentramento in quanto la natura prettamente centralistica del decentramento amministrativo attuato dalle regioni e il ruolo marginale e subalterno attribuito dalle stesse regioni ha fortemente penalizzato le autonomie locali delle province montane”.
Per questo l’ordine del giorno Borghi-De Menech oggi varato dal Parlamento sostiene che “appare dunque quanto mai necessario uno sforzo congiunto delle istituzioni e delle forze per realizzare un
progetto di riforma istituzionale e finanziaria che restituisca pari dignità e uguali opportunità’ ai territori, interamente montani, transfrontalieri, con la presenza di diverse minoranze linguistiche e
con vocazione a uno sviluppo economico integrato alle altre realtà’ territoriali dell’arco alpino”.
Roma, 30 novembre 2014

Baveno commissariata: VERGOGNA !

Baveno MunicipioSi è consumata in questi ultimi giorni, tra polemiche e veleni e dopo una campagna elettorale aspra che ha diviso profondamente la nostra Comunità, la pagina più umiliante e vergognosa della vita politica ed amministrativa del nostro paese con l’implosione, per cause tutte interne, dell’Amministrazione Ottinetti eletta meno di sei mesi fa, e con la consegna del governo della città ad un Commissario Prefettizio che la traghetterà verso nuove elezioni.
E’ un’incancellabile onta per il paese che non aveva mai vissuto un simile sfregio democratico ma che, anzi, aveva sempre saputo governarsi con spirito di serietà e di responsabilità.
L’accelerazione della crisi pare sia dovuta ad inaccettabili forti “condizionamenti e pressioni” a cui è stato sottoposto il Sindaco Ottinetti nell’esercizio delle sue funzioni da parte dei suoi consiglieri e del Gruppo “Baveno Futura” minandone le prerogative proprie di Sindaco e, sostanzialmente, facendogli venire meno la fiducia della sua stessa maggioranza.
Si è trattato di un atto grave a cui il Sindaco Ottinetti ha fatto bene a reagire per la dignità del proprio ruolo e della propria persona.
Non vorremmo, però, che il giudizio sulla crisi fosse esclusivamente incentrato sulla violenta diatriba delle ultime settimane tra il Sindaco, la sua maggioranza ed il gruppo che lo ha sostenuto e proposto e che adesso lo ha sfiduciato.
Le ragioni di questo totale fallimento sono  più profonde e lontane ed attengono ai propositi e alle modalità con cui è stata costruita la lista “Baveno Futura” che conteneva, già all’origine, i presupposti della decomposizione.
Le cause del fallimento, a nostro avviso, sono da ricercarsi:
·              nella mancanza di un vero progetto amministrativo per il futuro della nostra Città senza un solido disegno complessivo per governarne le molteplici problematiche, al netto di qualche sporadica iniziativa preannunciata;
·              nell’accentuazione di un concetto politico-padronale che rimandava all’esterno degli organi elettivi la regia delle decisioni da assumere, svuotando il ruolo e le prerogative del Sindaco e del Consiglio Comunale, che devono avere come unico riferimento i cittadini dai quali hanno ricevuto la fiducia;
·              nella sottovalutazione delle problematiche e delle difficoltà del governare connesse anche alla mancanza di esperienza e preparazione amministrativa di molti dei componenti la maggioranza consiliare.
Non si è trattato, quindi, di sole beghe interne alla maggioranza ed al gruppo che lo sosteneva (come qualcuno vorrebbe far credere), ma del totale fallimento di un progetto padronale che non aveva nessuna possibilità di poter essere applicato.
Dopo questo vergognoso epilogo ci si augura che i cittadini di Baveno sappiano far tesoro di quanto è successo e non intendano più concedere la fiducia, in occasione delle prossime elezioni amministrative, a quanti hanno determinato questo fallimento.
E’ necessario quindi il concorso di tutti i cittadini seri e responsabili per ricompattare una comunità profondamente divisa da una campagna elettorale devastante e per ripristinare un clima di maggiore serenità all’interno della città

Partito Democratico – Il Circolo di Baveno

Aliscafo per i frontalieri: no alle strumentalizzazioni

navigazione lago maggiore battelloIn merito alle dichiarazioni di Forza Italia e Lega Nord (clicca qui) , legate alla vicenda che vede centinaia di lavoratori frontalieri in situazione di disagio a causa della frana che ha bloccato la SS34 la scorsa settimana, esprimiamo davvero incredulità e sconforto.
È assolutamente palese il tentativo di strumentalizzare il disagio di questi lavoratori per attaccare il sindaco, il nostro partito e la nostra maggioranza.
Vedendo l’enorme problema causato dalla frana in questione l’amministrazione ha cercato di dare sostegno a chi è direttamente coinvolto dalla situazione, mentre invece Cristina e De Magistris preferiscono fare polemica. Non pare evidente al segretario della Lega Nord l’assoluta eccezionalità della situazione tale da dover giustificare le misure prese dal sindaco a favore dei lavoratori frontalieri?
Noi crediamo che in questa situazione si debbano sfruttare tutte le possibili vie di trasporto alternativo alla strada e quindi ben venga l’aliscafo.
Sicuramente nella prima fase di sperimentazione del progetto “Frontalieri con le ali”, a costo zero per il comune, i risultati non sono stati quelli sperati e la sperimentazione è stata sospesa, come spiegato dal Sindaco. Ma questo non impedisce comunque di lavorare per offrire modalità di mobilità alternative a quella della sola automobile e in questi giorni l’aliscafo ha offerto un servizio importante.
Che i lavori sulla SS34 siano celeri lo auspichiamo tutti, ma incolpare anche di questo l’amministrazione Verbanese ci pare francamente insostenibile poiché tutti sanno che quella strada non è di competenza comunale.
Tutti i cittadini e i lavoratori hanno bisogno, prima che di polemiche facili, di risposte efficaci ai loro bisogni. Noi lavoriamo per dare queste risposte, consigliamo a Forza Italia e Lega Nord di fare altrettanto.

Riccardo Brezza
Segretario PD Verbania

Davide Lo Duca
Capogruppo PD in Consiglio Comunale