VCO, INDISPENSABILE LO STATO DI CALAMITA’

esondazione Lago Maggiore verbania“Gli eventi susseguitisi in questi giorni, e culminati con i tre clamorosi eventi dell’evacuazione dell’Ospedale Madonna del Popolo di Omegna e delle frane sulla SS34 del Lago Maggiore all’altezza dell’abitato di Cannero Riviera e  sull’abitato di Re oltre alle inondazioni diffuse del Lago Maggiore e del Lago d’Orta, impongono la proclamazione dello stato di calamità per la Provincia del Verbano Cusio Ossola, pesantemente danneggiata dalle precipitazioni di questi giorni. La puntuale attività che stanno conducendo in queste ore le istituzioni preposte, ad iniziare dalla Prefettura e dalla Provincia del VCO, potrà dare la dimostrazione oggettiva di questa richiesta che nelle prossime ore dovrà essere formalizzata dalla Regione Piemonte al governo. Le importanti dichiarazioni di oggi del Sottosegretario Graziano Del Rio, che ha annunciato sia la disponibilità della copertura finanziaria per le emergenze sia lo sblocco dal patto di stabilità per i Comuni danneggiati e coinvolti, aprono la strada al conseguimento di questo obiettivo che risulta essenziale e preliminare a qualsiasi attività di sgombero e di intervento a sostegno delle popolazioni locali colpite. A tale proposito, inoltrerò nelle prossime ore una specifica segnalazione alla Presidenza del Consiglio”.
Lo dichiara in una nota l’on. Enrico Borghi, capogruppo Pd in commissione ambiente, territorio e lavori pubblici.

SANITA’: LE PRESE DI POSIZIONE

Ospedale omegna- Dichiarazione del sindaco di Gravellona Toce Giovanni Morandicliccare qui ;
- Dichiarazione del vice presidente della regione Aldo Reschigna - cliccare qui 
- Dichiarazione del parlamentare Enrico Borghi cliccare qui
- Svolgimento dei consigli comunali a Verbania e  Domodossola con video - cliccare qui 

Di seguito riportiamo il documento elaborato dal gruppo consigliare del PD di Verbania:

Il gruppo del Partito Democratico è al fianco della Città, del Sindaco e del Consiglio comunale di Verbania per ribadire con decisione che oggi l’unica coesione possibile del Territorio in  risposta alla Regione Piemonte è che la stessa non ci obblighi a scegliere quale area debba avere un servizio così importante come un DEA. Non è accettabile decidere chi “lo meriti” e chi no. I diritti non sono concetti contabilizzabili.  La vita di ognuno di noi, il diritto alla salute, alla tranquillità di tutti i cittadini non possono essere venduti in un  conflitto con Domodossola.

Inoltre, ciò non può accadere dopo anni di completa e colpevole inerzia da parte degli organi deputati a riorganizzare i servizi.
Riteniamo che la Regione Piemonte debba fare tutto quello che è nelle sue possibilità per concedere alla nostra Provincia una deroga che ci permetta di mantenere i servizi attuali.

Certo, non possiamo però esimerci dall’affrontare la serietà del problema. È ben chiara a tutti la situazione drammatica delle finanze regionali. È altrettanto chiara la necessità per un partito, che  prima di tutto è partito del territorio, sostenere i servizi della proprio città e sottolinearne l’importanza. Per questa ragione facciamo le seguenti valutazioni:

1)     Verbania necessita di un Dea perchè possa mantenere la capacità di agire sulle emergenze che si generano per la salute dei cittadini del Verbano, per quella degli ospiti presso le strutture assistenziali private del Territorio e, ovviamente, per le centinaia di migliaia di turisti che ogni anno scelgono di venire in villeggiatura in loco; Il DEA è essenziale anche per la collocazione geografica dell’ospedale, la chirurgia oncologica, il dipartimento materno infantile. Servizi che sparirebbero dal Territorio, se si attuassero riorganizzazioni dettate da meri principi contabili.
2)     La Direzione Generale deve esplicitare il piano di riorganizzazione, cronoprogramma incluso, capace di garantire un reinvestimento certo e serio sul territorio, che mantenga e migliori i livelli di efficienza riducendo i costi.
3)     Vanno chiarite e agevolate le modalità, in cui la rete si integra con il privato accreditato per potenziare servizi che possano essere attrattivi e non meramente concorrenziali, aiutare a fare sistema, ma senza perdere il ruolo pubblico dell’offerta sanitaria.
4)     Vanno applicati, per l’eventuale scelta dei servizi sul Territorio, gli stessi criteri applicati dal patto per la salute e dalla conferenza stato-regione e cioè i “volumi di attività” che qualifichino le ragioni della sanità locale.

Siamo cittadini di Verbania e rivendichiamo la centralità e l’importanza del nostro ospedale “Castelli”, ma non vogliamo fare questa battaglia per sottrazione. Non vogliamo che questo sia fatto contro qualcun altro.
Convinti come siamo che il nostro territorio meriti più tempo per rendere efficiente il servizio sanitario nel suo complesso, dichiariamo la disponibilità ad affrontare una seria riorganizzazione dei servizi territoriali e domiciliari, richiedendo garanzie e rafforzamento sui servizi dell’emergenza (118, elisoccorso), immaginando una soluzione che elimini doppioni e uniformi i servizi.

L’IMPEGNO DEL PD SULLE POLITICHE PER LA SALUTE NEL VCO

sanitaPubblichiamo il documento approvato dall’assemblea Provinciale del PD del VCO giovedì 13 novembre a Pieve Vergonte, con un voto all’unanimità (un solo astenuto).

L’IMPEGNO DEL PD SULLE POLITICHE PER LA SALUTE NEL VCO

Premesso che:

- la Regione Piemonte deve “ringraziare” Cota e i suoi alleati del centro destra per aver portato la sanità regionale in uno stato di difficoltà che non si trova in nessun’altra regione del centro-nord;

-  di fatto, la politica regionale in campo sanitario è “commissariata”, dovendo obbedire ai vincoli posti dal Piano di rientro ancor prima di quelli del Patto per la Salute firmato tra il governo e le regioni a luglio;

- dentro questo quadro, la situazione della sanità nel VCO mostra diverse criticità (la riduzione dei finanziamenti e il blocco delle assunzioni e del turn-over limitano la capacità operativa dell’ASL, influenzano negativamente il lavoro degli operatori, producono riduzioni delle prestazioni offerte e aumentano il forte saldo negativo della mobilità fuori regione);

- non è più accettabile la presenza di primari a scavalco, turni del personale ben oltre la soglia contrattuale necessari però, nella situazione attuale, a garantire i servizi primari ai cittadini;

Valutato che:

- non è più rinviabile anche un cambiamento organizzativo e strutturale del sistema sanitario regionale;

- la proposta di revisione della rete ospedaliera avanzata dall’assessorato regionale è del tutto conforme alle prescrizioni del Patto per la Salute: la trasformazione dei presidi di Verbania e Domodossola in un ospedale di I livello, dotato di DEA di I livello e collegato come “spoke” ad un “hub” di II livello, e un ospedale territoriale dotato di pronto soccorso h24 e potenziato con alcune specialità con l’aggiuntivo impegno dell’assessore Saitta affinché questa revisione permetta l’assunzione di nuovo personale (primari e infermieri, innanzitutto) e un potenziamento dei servizi domiciliari, residenziali e territoriali;

-  i criteri del Regolamento per la definizione degli standard qualitativi, strutturali, tecnologici e quantitativi relativi all’assistenza ospedaliera, sia pure differenziati per tener conto di aree più deboli, appaiono comunque molto stringenti per un territorio complesso come il VCO (purtroppo si tratta dell’ennesima dimostrazione di quanto poco il legislatore nazionale e le strutture ministeriali tengano in considerazione le aree montane. Aree meno popolate e quindi più deboli dal punto di vista economico ed elettorale, ma nelle quali l’offerta di servizi di qualità richiede inevitabilmente strutture e organizzazioni più complesse rispetto alle aree di pianura e metropolitane);

- peraltro i tagli operati su queste aree disagiate danneggiano i cittadini, senza incidere in modo significativo sui risparmi di spesa globali di una Regione e dello Stato ma devo esser finalizzati al miglioramento dell’offerta e della sue efficienza;

Considerato che:

- sarebbe facile usare questi argomenti per una battaglia “campanilistica” o “difensiva” alla quale non si assocerebbe un reale miglioramento dell’offerta sanitaria generale di questo territorio;

-  tutto il territorio regionale è soggetto alla revisione sanitaria con scelte difficili;

ll PD Vco non si sottrae alla sfida per un salto di qualità nelle politiche per la salute dei cittadini del VCO, anzi ne è promotore.
Non si può però assolutamente accettare una diversità di trattamento: è nostra convinzione che anche le realtà di pianura o metropolitane debbano condividere lo sforzo di rendere più efficiente la nostra sanità e contribuire alla riduzione delle spese e degli sprechi.
Riteniamo inoltre che non si possano chiudere dei servizi senza che simultaneamente vengano istituiti servizi alternativi che garantiscano il diritto alla salute di tutti i cittadini del territorio con maggiore efficienza, ma con massima efficacia.

Per il raggiungimento di questo obiettivo si propone di attuare una serie di azioni in modo sincrono:

  1. riorganizzare la medicina ospedaliera, per: a) tenere conto delle caratteristiche geografiche, demografiche, socio-economiche e dei dati epidemiologici per il territorio; b) preservare strutture esistenti e operanti nel VCO (ad esempio, l’oncologia, la radioterapia, l’emodialisi e l’emodinamica); c) promuovere la crescita qualitativa dei servizi, anche attraverso la nomina di primari stabili;
  2. rafforzare i servizi di medicina territoriale, con una concreta attuazione delle dichiarazioni che nei decenni passati sono state ripetute tante volte senza risultati pratici e valorizzando le professionalità dei medici di medicina generale;
  3. realizzare una rete per l’emergenza e l’urgenza che garantisca velocità e qualità negli interventi su tutto il territorio, comprese le aree più lontane dai centri urbani principali, attraverso la presenza di un adeguato numero di mezzi di soccorso avanzato e l’utilizzo di basi operative di elisoccorso;
  4. rivedere il rapporto tra pubblico e privato, rilanciando uno slogan ben noto, cioè respingere l’idea che i costi delle politiche sanitarie e sociali siano pubblici, ma i profitti privati;
  5. completare l’integrazione tra assistenza sanitaria e sociale, inclusi i protocolli per la continuità assistenziale ospedale-domicilio-residenze, e inserire il VCO nel “Patto sociale per il Piemonte”, attivato dall’Assessorato regionale ai servizi sociali, anche per rafforzare la prevenzione di comportamenti a rischio sanitario e sociale;
  6. valorizzare e rafforzare le professionalità (mediche e infermieristiche) presenti nel VCO, perché qualunque proposta è destinata al fallimento senza l’impegno di tutti gli operatori del settore, dai dirigenti, ai medici ospedalieri, agli infermieri, ai medici di medicina generale, ai pediatri di libera scelta, al personale amministrativo;
  7. firmare un “Patto per la salute locale” con le amministrazioni locali, che fissi in modo chiaro e condiviso gli obiettivi assegnati alla dirigenza dell’ASL assieme a modalità e tempi con cui procedere ad una verifica dei risultati.

Ufficio Stampa

Partito Democratico
Coordinamento provinciale VCO
Via Roma 24, 28921 Verbania
Tel. 0323 401272
web: www.partitodemocratico.vb.it
mail: info@partitodemocratico.vb.it
skype: partito.democratico.vco
twitter: Democratici vco

Il PD ad Omegna si riorganizza

Alessandro Buzio, segretario circolo PD Omegna
Alessandro Buzio, segretario circolo PD Omegna

Nei prossimi giorni il circolo del Partito Democratico di Omegna, ha organizzato una serie di appuntamenti per rilanciare la propria presenza sul territorio e tra i cittadini, attraverso due conferenze d’organizzazione e una cena che si svolgeranno tutte presso il Circolo F.Ferraris in via Manzoni 38, ad Omegna .
- Cena Democratica, aperta a tutti, VENERDì 4 Novembre alle ore 20:00 .
- Martedì 18 Novembre ore 20:45: conferenza d’organizzazione del PD Omegna sulle questioni dell’amministrazione comunale: “Metà mandato, il bilancio del lavoro svolto e l’orizzonte verso il 2017“.
- Venerdì 28 Novembre alle ore 20:45: conferenza d’organizzazione del PD Omegna sul partito cittadino.

Per info e prenotazioni Alessandro Buzio: ale.buzio (chiocciola) gmail.com,  cellu. 3485218316.

Riccardo Brezza, segretario PD Verbania

PD Verbania: al servizio del bene comune

Nella serata di ieri si è riunita l’assemblea degli iscritti del PD di Verbania per discutere sulla situazione della giunta e dell’amministrazione a seguito delle dimissioni dell’assessore Damiano Tradigo.
Prima di tutto a Damiano va la mia personale vicinanza e il ringraziamento sentito per il lavoro svolto. Tradigo è un iscritto al nostro partito e quindi la sua scelta ha generato ovviamente una profonda riflessione sullo stato della giunta e sul ruolo del PD in questa maggioranza di governo.
Dall’assemblea è emersa la necessità di un maggiore coinvolgimento del gruppo consiliare e del partito nelle scelte dell’amministrazione. Questa necessità si deve tradurre in una vicinanza più puntuale tra tutte le persone che compongono questa amministrazione: a partire dal sindaco e dalla giunta, passando per il gruppo PD per arrivare al partito nella sua segreteria e nella sua assemblea.
Le scelte devono essere condivise e il partito s’impegna oltre a sostenere quest’amministrazione anche ad essere motore di proposte e fucina d’idee a servizio della città.
Il ruolo dei partiti è messo oggi in grave crisi dai tempi che viviamo, ma noi vogliamo osare e cogliere questa sfida facendo del PD una grande comunità che sappia intercettare le istanze di questa nostra città.
Rispondiamo alle critiche ricevute in questi giorni, che ci hanno disegnati come silenti e assenti, con la forza delle proposte e non facendo polemica. Perché crediamo profondamente che il nostro ruolo sia quello di governare questa città, capirne i bisogni profondi, rappresentare i cittadini con spirito di servizio.
Siamo un grande partito, con la schiena dritta e che merita rispetto. Lo stesso rispetto che meritano le istituzioni, come il Comune e il Consiglio comunale, troppo spesso in questi mesi bersaglio di attacchi violenti e atti a delegittimarle.
Questo siamo noi, una grande comunità democratica di donne e uomini che s’impegnano e cercano di fare il proprio meglio. Con tutti i limiti e gli errori che si possono commettere decidendo di camminare piuttosto che stare fermi. Su questi errori si è soffermata l’assemblea si ieri sera, aprendo una riflessione franca e sincera, sottoponendo al sindaco e alla giunta i modi di superarli ed evitarli in futuro. Riflessione fatta nelle sedi opportune perché non sentiamo il bisogno di fare del conflitto politico interno, anche del più aspro, occasione di visibilità pubblica, attraverso i blog, i social network o i giornali.
Per quanto riguarda il futuro della giunta comunale, preso atto dell’irreversibilità della scelta di Tradigo, l’assemblea ha ritenuto di non fare nomi né “rose” di nomi. Abbiamo privilegiato il confronto interno sul merito e sui temi. Al Sindaco abbiamo data mandato di scegliere il prossimo assessore. Responsabilità e onere che gli riconosce la legge.
A quanti si chiedono dove sia finito il PD rispondiamo con forza che siamo qui, a servizio del bene comune. Un passo dopo l’altro, ogni volta un passo, per migliorare e cambiare la nostra Verbania, la nostra “grande bellezza”.

Riccardo Brezza
Segretario PD Verbania