Un commento su “Riunione Circolo PD Verbania”

  1. venerdì io c’ero,

    sembrava di essere al primo giorno di scuola, i bambini titubanti entrano dal portone, si guardano attorno, non sanno quale banco scegliere, alcuni si conoscono e fanno capannello per darsi coraggio, altri continuano a scrutare il nuovo mondo che sta per iniziare.
    poi ad un tratto arrivano quelli più grandi, della quarta e della quinta, sicuri, spavaldi solamente con la voglia di scherzare, subito si raggruppano, si siedono in prima fila (magari hanno anche marcato il territorio), non temono nulla e nessuno, hanno ancora il ricordo delle vacanze (per litigare, copiare i compiti e rubare le merendine ci sarà poi tanto tempo, ora godiamoci il momento).

    poi arriva la maestra (non proprio di primo pelo ma va bene anche così)”…ciao bambini sono Paolo… Paolo Sulas e sono la vostra maestra….”.

    Silenzio su tutti… tranne sui bambini più grandi, bulli in fasce, una baby-gang in piena regola, ma va bene così, per ora…

    saluti di rito, presentazioni d’obbligo e poi il programma…
    “dubbi? … perplessità? … donne in cinta?…” il silenzio impera e allora si può dare libero sfogo alla manualità più sfrenata: “organizzare la campagna elettorale”, si chiamano i bidelli (Damiano ndr) e si inizia a parlare di volantini, porta a porta, attacchinaggio e chi più ne ha più ne metta.

    poi tutti a casa per la pappa.

    Bello, magari mi sarei aspettato un po più di gente (non c’erano tutti i 60, non c’erano tutti gli aventi diritto, non ho visto molti invitati), almeno il primo giorno di scuola….

    Bello, magari che non ci si fermi subito qui, perchéaltrimenti se ci si deve concentrare solo sulle campagne elettorali, la sfida si fa molto meno attraente e stimolante.

    Paolo, sei il nostro coordinatore e tuo principale e più arduo compito è quello di motivarci e ricordarci la strada che decideremo di percorrere; se farai questo vedrai che ci sarà sempre qualcuno ai pedali a tirare il carretto (speriamo anche alla biciclettata elettorale), altrimenti si rifaranno errori già visti e si prenderanno strade sempre più impervie e toccherà a te poi pedalare…

    Buon lavoro…. a tutti noi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *