La “bomba” dell’assessore Mantovani contro Zacchera: dimissioni e critiche. La posizione del PD!

Marco Zacchera

Il comunicato del PD: La durissima nota con la quale l’assessore Mantovani ha rassegnato le dimissioni esplicita in maniera addirittura imbarazzante le stesse ragioni di critica che la minoranza da due anni e mezzo solleva all’ Amministrazione Zacchera: la scelta -totalizzante e completamente sbagliata – del Centro Eventi, trascurando ogni altro aspetto della vita cittadina; l’incapacità di costruire rapporti positivi con le realtà associative cittadine, resa evidente dalla fallimentare gestione della “partita” del Museo del Paesaggio; la tracotanza di un sindaco che neppure di fronte al pronunciamento della Corte Costituzionale sull’illegittimità del “doppio incarico” rinuncia a mantenere la carica di sindaco e quella di parlamentare.
Zacchera perde un assessore al mese: ora staremo a vedere se anche Mantovani, come ha fatto a ottobre Parachini, azionerà il meccanismo della “porta girevole” in uso negli alberghi. E che dire del graduale sfaldamento del Gruppo consiliare del Pdl, che ha appena perso un altro componente a beneficio del Gruppo “Popolari Italia Domani”, peraltro fortemente critico verso la gestione Zacchera, come abbiamo avuto modo di sentire nell’ultima seduta di Consiglio Comunale?
Davvero il “cambiaverbania” di Zacchera non sta facendo mancare nulla alla città!
Claudio Zanotti, Angelo Rolla, Corrado De Ambrogi

Le dimissioni dell’assessore
L’assessore alle Politiche sociali del Comune di Verbania, Roberta Mantovani Didero, ha rassegnato oggi le proprie dimissioni irrevocabili dall’incarico nelle mani del sindaco on. Marco Zacchera. Per spiegare la sua scelta l’assessore ha rilasciato la seguente dichiarazione.
“Giunti alla metà del mandato amministrativo – dice Roberta Mantovani – ho sentito la necessità di fare il punto sul mio impegno da assessore. La mia decisione di impegnarmi nell’amministrazione comunale, infatti, non dipende da nessuna esigenza personale ma dal desiderio di operare concretamente per il bene della città, contribuendo al cambiamento, dopo 64 anni di un’altra amministrazione. Mi pare, invece, che l’amministrazione Zacchera abbia voluto concentrare la propria attenzione su un solo progetto, quello del Centro Eventi, che è certamente importante ma non può esaurire tutto l’arco dell’impegno amministrativo. La prima motivazione che mi aveva spinto a candidarmi era la volontà di migliorare la gestione del verde pubblico, dell’arredo urbano, insomma delle cose che più stanno a cuore ai comuni cittadini, in una città molto trascurata sotto questo aspetto. Pur riconoscendo le gravi difficoltà finanziarie che colpiscono tutti gli enti pubblici, debbo ammettere con rammarico che questa volontà di cambiamento non è ancora diventata una priorità del governo cittadino”.
“Nella mia valutazione c’è anche un giudizio negativo, più generale, sulle difficoltà della politica – prosegue Mantovani – a prescindere dal colore delle coalizioni che governano, ad attuare degli interventi concreti per venire incontro alle reali esigenze dei cittadini. Spesso ci si lancia in progetti avveniristici, senza riuscire a superare i problemi quotidiani, la cui soluzione consentirebbe ai cittadini di “riconciliarsi” con la città, di migliorare la vita sociale e di avere un ben diverso apprezzamento per i loro amministratori”.
“Un altro aspetto che mi ha indotto perplessità – continua Mantovani – è la gestione che è stata fatta della questione Museo del Paesaggio, un patrimonio culturale e artistico di grandissimo livello che la città dovrebbe tutelare e difendere con maggiore passione. Dopo l’abbandono dell’incarico da parte di Philippe Daverio, purtroppo non ho visto un forte impegno dell’amministrazione nel voler superare quelle resistenze al cambiamento che resistono all’interno dell’ente Museo. Sono profondamente delusa dal fatto che non si sia voluto prendere ancora una decisione risolutiva per il futuro del Museo, che è oggi completamente nel limbo, senza alcuna certezza e prospettiva”.
Infine, Roberta Mantovani sottolinea la sua perplessità per il fatto che “il sindaco Zacchera continui a dilazionare la scelta se occuparsi o meno a tempo pieno della città, lasciando l’incarico da parlamentare. Più volte il sindaco ha dichiarato di preferire il ruolo da sindaco, ma finora non ha dato seguito ai suoi intendimenti, scegliendo con nettezza, come ad esempio ha fatto il suo collega di Catania. Questa situazione di incertezza, contribuisce a una clima difficile nei rapporti di Giunta. Un contesto non piacevole per chi, come me ma non sono la sola, pratica la vita amministrativa senza secondi fini che non siano il bene della città. Meglio dunque lasciare l’incarico, essendo chiaro che mi dimetto perchè ho deciso io di farlo, senza alcuna pressione politica esterna, perché se la politica è un servizio, come l’ho sempre concepita, deve almeno consentire a chi la fa di poter esprimere i propri valori e la propria personalità”.

2 commenti su “La “bomba” dell’assessore Mantovani contro Zacchera: dimissioni e critiche. La posizione del PD!”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *