Senatore Valter Zanetta: una questione di famiglia.

E’ di questi giorni la notizia che il Presidente della Provincia del VCO Massimo Nobili – ignorando l’appello bipartisan dei Sindaci dei principali Comuni del VCO per una riconferma del Commissario uscente Roberto Ripamonti – ha presentato alla Commissione centrale la rosa di tre nomi tra cui verrà individuato il futuro Commissario della Fondazione Cariplo.
Tra questi, oltre a Emanuele Terzoli, figlio di Luigi membro del cda di Veneto Banca, e il ciellino Giorgio Fiorini, troviamo anche Francesca Zanetta, figlia del senatore Valter del PDL .
Si tratta dell’ultimo episodio di una serie che ha per protagonista una figura sempre più ricorrente nella cronaca politica e amministrativa del nostro territorio: Valter Zanetta, il senatore, titolare di un avviato studio di progettazione attivo che per anni – soprattutto negli anni 80/90 – ha avuto un ruolo fondamentale nella progettazione delle opere post alluvionali affidati dalle Comunità Montane, realizzando diversi piani regolatori e numerosi progetti di importanti opere pubbliche.
Suo cognato Rodolfo Signorini è sindaco a Baceno, mentre la figlia Francesca – la stessa di cui sopra – è stata consigliere comunale a Baceno nella maggioranza che sostiene lo zio Sindaco, anche se recentemente si è dimessa su istanza del suo stesso gruppo dopo che è venuta alla luce una sua richiesta per una concessione al fine di sviluppare a Baceno una centrale idroelettrica assieme a Fabio Dalla Pozza, figlio dell’ex sindaco di Crevoladossola Marcello. O forse, solo per non incappare nell’incompatibilità col futuro ruolo di Commissario della Fondazione Cariplo.
In una recente intervista Francesca Zanetta ha anche criticato la proposta di una gestione pubblica della risorsa idroelettrica in quanto gli enti locali – troppo piccoli e frammentati – non avrebbero una capacità gestionale necessaria, mentre lei si trovava al tempo stesso nel ruolo di amministratrice/politica e di imprenditrice.
Un collaboratore del senatore, Cosimo Russo, sino al 2010 è stato consigliere d’amministrazione di Tecnoparco Spa – azienda di proprietà pubblica – mentre il Geom. Graziano Uttini, dipendente dello studio Zanetta, è stato nominato lo scorso anno Presidente del Parco Veglia-Devero-Antrona.
Ora, quello che si evince da questa scenario è un quadro familistico ed una gestione personalistica della cosa pubblica simile a quanto emerge in tante altre realtà del nostro paese, dove prevalgono le logiche “di relazione” e gli incarichi pubblici finiscono a figli, mogli, parenti, collaboratori professionali e “clientes” vari, prefigurando una sorta di clan asservito al “dominus” del caso; un approccio alla cosa pubblica come terreno di conquista, da occupare sempre e comunque con persone “di fiducia”; un meccanismo che antepone la fedeltà al titolo, il legame familiare al merito, la contiguità professionale alla competenza, in una pericolosa confusione tra interessi privati sempre più ramificati e ruolo pubblico, un cortocircuito tra i ruoli di imprenditore e amministratore.
Ancora una volta ci troviamo ad esprimere forte preoccupazione: un contesto così svilito agli occhi dell’opinione pubblica produce un solco che separa sempre più i cittadini dalle istituzioni, alimentando il morbo dell’antipolitica e del qualunquismo, tanto più pericolosi in un momento grave e delicato come quello che stiamo vivendo, i cui effetti travalicano la parte politica coinvolta e investono l’intero sistema democratico.
Questo è quello che ci preoccupa.
La politica deve tornare ad essere impegno civico e sociale nell’interesse delle comunità e su questo, come Partito Democratico, siamo impegnati in prima fila.

Antonella Trapani

Ufficio stampa  VCO

 

Un commento su “Senatore Valter Zanetta: una questione di famiglia.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *