Tutti gli articoli di master

L’ospedale unico e la rete dei servizi territoriali. Incontro a verbania lunedì 18 febbraio

La sanità del VCO vicina ai cittadini. L’ospedale unico e la rete dei servizi territoriali. Diamo la parola ai tecnici.
Questo è il titolo dell’incontro pubblico organizzato per lunedì 18 febbraio 2019 alle ore 20.45, presso il centro eventi Il Maggiore Verbania

Intervengono:
Dott.ssa Chiara Fornara, direttrice CISS Verbano 
Dott. Paolo Gramatica, resp. DEA Asl 14
Dott. Attilio Guazzoni, resp. Radiodiagnostica ASL 14
Dott. Flavio Ravasio, rapp. Medici di famiglia
Dott. Roberto Neri

Partecipano
Aldo Reschigna, vice presidente della regione Piemonte
Silvia Marchionini, sindaco di Verbania

Modera
Michela de Nicola

Incontro pubblico aperto a tutti per fare il punto sul percorso verso la realizzazione del nuovo e unico ospedale baricentrico del VCO a Ornavasso. Un’occasione irripetibile per il rilancio della sanità sul nostro territorio, collegato alla nascita delle Case della Salute.
Organizza il gruppo Consigliare del Partito Democratico regione Piemonte

#Primarie, Domenica 3 marzo 2019: dove si Vota nel VCO per scegliere il Segretario Nazionale del PD

#Primarie, Domenica 3 marzo 2019
Vota per scegliere il Segretario Nazionale del Partito Democratico. Tre i candidati: Roberto Giachetti,Maurizio Martina e Nicola Zingaretti

Possono partecipare al voto tutti i cittadini che hanno compiuto 16 anni. Si vota dalle ore 8 alle 20 di domenica 3 marzo 2019. 
Portare la tessera elettorale e la carta d’identità. E’ necessaria una sottoscrizione minima di due euro. 
Si può votare solo nel seggio associato al Comune dove si risiede. 
Per tutti coloro che si troveranno fuori dalla loro provincia di residenza il 3 marzo e vorranno partecipare alle Primarie, per chi è compreso tra 16 e 18 anni, per i cittadini dell’Unione Europea residenti in Italia e i cittadini di altri Paesi con permesso di soggiorno, è obbligatoria la registrazione sul sito nazionale delle Primarie. 
https://margot.partitodemocratico.it/prei/

DOVE SI VOTA NEL VCO

VERBANO

(Baveno). Sala adiacente portici Municipio piazza Dante Alighieri 14, Baveno

(Cannobio, Cannero, Trarego Viggiona e valle Cannobina). Saletta Teatro nuovo viale Vittorio Veneto 4, Cannobio

(Ghiffa, Oggebbio). Imbarcadero c.so Belvedere, Ghiffa

(Stresa, Gignese, Belgirate, Brovello Carpugnino) Dependance Hotel La Palma, la Villa Francesca in via Duchessa di Genova 5, Stresa

(Verbania 1 – votanti sezioni elettorali 19-20-21-22-23-24-25-26-27-28-29-30 ). Palazzo Flaim piazzale Flaim, Intra

(Verbania 2 – votanti sezioni elettorali 1-2-3-4-10-11-12-13). Portici Municipio piazza Garibaldi, Pallanzalungolago

(Verbania 3 – votanti sezioni elettorali 14-15-16-17-18 – Cossogno, S. Bernardino Verbano, Arizzano, Vignone, Bee, Premeno, Cambiasca, Miazzina e valle Intrasca) Casa del Popolo Arci via Renco 91, Trobaso

(Verbania 4 – votanti sezioni elettorali 5-6-7-8-9) Centro d’Incontro S.Anna via Belgio 1, Pallanza S.Anna

CUSIO

(Casale Corte Cerro). Sala Biblioteca piazza Chiesa 8, Casale Corte Cerro

(Gravellona Toce, Ornavasso, Mergozzo). Casa del Popolo via Roma 50,  Gravellona Toce

(Omegna 1, votanti sezioni elettorali 1 – 2 – 3 – 4 – 5 – 6 – 7 – 8 – 9 – 17, e Valle Strona). Ex biblioteca villa Liberty parco Maulini 1, Forum Omegna

(Omegna 2, votanti sezioni elettorali 13 – 14 – 15 – 16) Circolo Arci via IV Novembre 164, #Crusinallo

(Omegna 3, votanti sezioni elettorali 10 – 11 – 12 e Quarna Sotto, Quarna Sopra, Cesara, Nonio, Madonna del Sasso, Arola). Sede del consiglio di Quartiere piazza della Chiesa, Cireggio

OSSOLA 

(Crevoladossola, Montecrestese, Valle Antigorio e Formazza). Sala ex mensa villa Renzi via Sempione 72, Crevoladossola

(Domodossola 1, votanti sezioni elettorali 1 – 2 – 3 – 4 – 5 – 7 – 8 – 15 – 17 – 18 – 21 e Trontano, Masera). Sede PD via Dissegna 35, Domodossola

(Domodossola 2, votanti sezioni elettorali 6 – 9 – 10 – 11 – 12 – 13 – 14 – 16- 19 – 20 e Bognanco). Circolo Acli via Matilde Ceretti,
Domodossola

(Pieve Vergonte, Anzola d’Ossola, Piedimulera e Valle Anzasca). Municipio via Cicoletti 33 Pieve Vergonte

(Valle Vigezzo). Circolo Arci via del Sotto 12, Malesco

(Villadossola 1, votanti sezioni elettorali 1-2-3-4-5-6-9 e Beura Cardezza, Pallanzeno e valle Antrona). Sede PD via Vittoni 34,  Villadossola

(Villadossola 2, votanti sezioni elettorali 7 – 8). Portici Villaggio Sisma p.zzale Motta, Villadossola

(Vogogna, Premosello Chiovenda). Palazzo Pretorio via Roma, Vogogna.

Per info 0323 401272 (lun-ven pomeriggio dalle 14 alle 17.30), info@partitodemocratico.vb.it –www.partitodemocratico.vb.it

Provincia: ora si lavori tutti insieme per far intervenire il Governo!

A seguito dell’assemblea dei sindaci riunitasi presso il Tecnoparco non possiamo che essere soddisfatti rispetto alla decisione della maggioranza di Lincio di non procedere più verso la strada del dissesto, come invece precedentemente annunciato.
Abbiamo ascoltato dal Presidente, e dal suo consigliere delegato Albertella, cifre molto diverse riguardanti i debiti dell’ente, rispetto alla cifre fatte circolare nelle scorse settimane, che tanto hanno allarmato il territorio e le imprese.Consigliamo quindi maggior prudenza e una più alta capacità di gestire le situazioni, anche complesse e difficili come è effettivamente amministrare la Provincia.
La nostra maggioranza in 4 anni è stata molte volte vicino a scelte drastiche, ma hanno sempre prevalso, soprattutto nella comunicazione esterna, senso della misura e della responsabilità.L’esito dell’incontro di ieri è positivo dal punto di vista delle imprese che, grazie ai trasferimenti di cassa della Regione, potranno incassare parte delle fatture dovute.
Rimane  ancora gravoso il lavoro di analisi dei bilanci da parte di Provincia e Regione e ribadiamo la nostra disponibilità a partecipare alla cabina di regia che si sta occupando di gestire questa analisi. Ad oggi il Presidente Lincio non ci ha ancora invitati. 
Sullo sfondo di questa complessa situazione tornano sempre le responsabilità di chi ha amministrato l’ente dal 2009 al 2014, con i “famosi” 12 milioni di canoni idrici mai messi a bilancio dalla Regione e invece inseriti e spesi dalla Provincia (nel 2012-2013-2014).
Aldilà di questo è stato importante il rinnovato impegno di ieri da parte del Vicepresidente Reschigna che ha confermato la volontà della Regione di stare al fianco della Provincia del Verbano-Cusio-Ossola.
L’impegno del governo invece tarda ad arrivare, latita. Un po’ come il senatore Montani che abbiamo visto molto impegnato a fare polemiche sui giornali nelle scorse settimane, ma che invece ora, nella fase in cui occorrerebbe risolvere i problemi con interventi pragmatici, vediamo assente sia alle riunioni che nel dibattito pubblico.
In conclusione facciamo nostre le richieste dell’on.Borghi verso il Governo, che ribadirà con un’interpellanza il prossimo venerdì a Montecitorio:
1) serve la proroga della moratoria sui mutui, fatta per 4 anni dai governi di centrosinistra e inspiegabilmente azzerata dal governo del cambiamento;
2) serve istituire un fondo per le province in pre-dissesto, che l’Unione Province Italiane ha stimato in 30 milioni (una inezia per lo Stato) evitando che esse cadano in dissesto;
3) serve una misura che consenta alla provincia di tornare ad avere entrate proprie (IPT e RCAuto)
4) serve ridare alla provincia i 2 milioni di trasferimenti che il D.L. 66 aveva tagliato e che con il 2019 dovevano venir meno.

Il Gruppo Consiliare“Progetto VCO”
Gianni Morandi, Riccardo Brezza, Silvia Tipaldi, Fabio Pizzicoli, Flavia Filippi

Tecnoparco

La Regione aiuta il VCO con 2,4 milioni di euro. Il Governo del senatore Montani se ne frega.

E’ stato un incontro che riporta il tema della grave situazione economica della Provincia sul piano del confronto tra Regione e Provincia, per individuare gli strumenti per affrontarla senza ricorre allo stato di dissesto>. Così il vice presidente piemontese Aldo Reschigna dopo l’incontro di stamattina a Torino con la Provincia del VCO.

L’amministrazione del presidente Sergio Chiamparino e del vice Aldo Reschigna è riuscita a trasferire nell’immediato 2,4 milioni alle casse provinciali, completamente vuote e senza la possibilità di ricorrere più alle anticipazioni di tesoreria. Si tratta di liquidità assegnata per stanziamenti sulle funzioni delegate e che consentono di provvedere ai pagamenti in scadenza a fine mese.
Con la Provincia i vertici regionali hanno poi concordato un’operazione di «pulizia» dai residui passivi del bilancio che avverrà con un confronta tra uffici e revisori dei conti. Si allontana per ora l’ipotesi di dissesto

Prosegue: <Un incontro positivo, dunque, un metodo  che apprezziamo e che è diverso da quello che qualcuno sta praticando nel VCO, ricorrendo a uno scontro politico, pregiudiziale, che tende a nascondere le pesanti responsabilità  del passato che riguardano anche la Lega. Chi si muove con questo atteggiamento è bene che sappia che esso determina conseguenze pesanti proprio al sistema  delle imprese, danneggiate molte volte di più  dagli annunci e dalle dichiarazioni  piuttosto che dalle decisioni. Noi lavoriamo per garantire un futuro alla Provincia del VCO e ai suoi tanti creditori, dalle imprese ai Comuni, che vantano crediti per loro vitali dall’amministrazione provinciale.   

Resta però un grande assente, il governo centrale, che non può certo far finta di niente di fronte a una situazione di cui il taglio dei trasferimenti dello Stato è il principale responsabile. Per questo chiedo al Governo di chiarire quali risorse intende destinare al VCO per lo svolgimento delle funzioni delegate dallo stato e che tanto peso hanno sul bilancio della provincia

Tornano le corse serali dei bus. Battaglia vinta dai Giovani Democratici

Partito Democratico Vco

Pubblicato da Alberto Nobili · 3 min · 

Giovani Democratici – VCO dopo un anno di intenso lavoro, di mobilitazioni e di dialogo con le istituzioni, sono felici di annunciare che la battaglia sui trasporti locali, per il momento, è stata vinta con il massimo risultato possibile. 
La Regione Piemonte, tramite l’agenzia della mobilità, ha stanziato i fondi per il ripristino di tutte le corse serali della tratta Verbania-Trobaso-Omegna a partire dal 1 gennaio. 
Inoltre a partire dalla stessa data verrà aggiunta una corsa notturna al venerdì con partenza da Intra alle 00.20. 
Se ne fa carico VCOTrasporti visto e considerato il successo della sua omonima del sabato. 
Ringraziamo le diverse centinaia si giovani (e meno giovani) che ci hanno sostenuto fin qui. 
Ringraziamo le amministrazioni locali (di Verbania,Gravellona Toce, Casale Corte Cerro e Omegna) che durante l’ultima riunione hanno sostenuto la nostra richiesta di ripristino delle corse.
Continueremo a lavorare al fianco di chi ha bisogno e di chi lotta per i propri diritti.
Cordiali saluti.
Mattia Nobili

Altro…

INCONTRO CON IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA, INTERGRUPPO MONTAGNA E UNCEM: ESTREMA SODDISFAZIONE

mattarella borghiIl Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ha ricevuto ieri nel pomeriggio al Quirinale i rappresentanti dell’Intergruppo parlamentare per lo sviluppo della Montagna e l’ufficio di presidenza dell’Uncem per un incontro sui temi della montagna, delle sue problematiche e delle sue potenzialità in attuazione dell’articolo 44 della Costituzione.
La delegazione era composta dallOn. Enrico Borghi (presidente) Sen. Giovanni Piccoli (vicepresidente vicario) On. Roger De Menech, On. Albrecht Plangger, e dai vicepresidenti Uncem Andrea Cirillo, Oreste Giurlani, Alberto Mazzoleni.
“L’udienza che ci ha voluto dedicare il Presidente della Repubblica costituisce un passaggio importante per la ricostruzione delle politiche pubbliche per la montagna – commenta l’On. Enrico Borghi, Presidente dell’Intergruppo – abbiamo avuto modo di manifestargli i temi legati alla contingenza, dal riordino istituzionale alla riforma del Corpo Forestale dello Stato, i temi dei servizi di base per la nostra montagna, dalla scuola ai trasporti alla sanità e alle poste, nonché il grande tema dello sviluppo previsto dalla Costituzione per le zone montane che abbisogna di specifiche azioni politiche e di attenzioni da parte delle istituzioni pubbliche e private”.
“ Su tutti questi temi – continua Borghi – abbiamo trovato una grande attenzione del Presidente Mattarella che ha manifestato la  sua disponibilità, all’interno delle competenze e del ruolo attribuitogli dalla Costituzione, di vigilare affinché la Montagna torni ad avere un ruolo centrale all’interno delle politiche di sviluppo del nostro Paese”.
“A questo riguardo – conclude il parlamentare- è di rilevante importanza il fatto che il Presidente Mattarella abbia riconosciuto alla Montagna un ruolo fondamentale e imprescindibile per il rilancio del nostro paese, identificandola come una risorsa nazionale dalla quale ripartire per immaginare il futuro dell’Italia, e abbia assicurato che nel quadro delle sue competenze assicurerà attenzione e sensibilità. A lui va il nostro ringraziamento e la nostra gratitudine per questo gesto di attenzione alle realtà montane d’Italia”.