Archivi categoria: Pd Verbania

Inaugurazione comitato elettorale #Avantitutta a Verbania sabato 27 aprile ore 11.30

Inaugurazione comitato elettorale #Avantitutta

Sabato 27 aprile alle ore 11.30, in via Baiettini a Intra, inaugurazione della sede del comitato elettorale per Silvia Marchionini sindaco #Avantitutta

Un piccolo aperitivo con la presenza del sindaco Silvia Marchionini e dei candidati delle liste che la sostengono, PD VerbaniaUnpassoavanti verbaniaVerbania VivaLa Verbania del SÌ

Si discute di casa sabato 13 aprile 2019 a Verbania

Home: troviamo assieme delle soluzioni, è il titolo dell’incontro pubblico organizzato dal circolo PD di Verbania per sabato 13 aprile 2019 dalle ore 09.30 presso il centro eventi Il Maggiore (sala blu).

Lo scenario dell’ultimo decennio è stato caratterizzato dalla crisi socio economica che ha comportato un forte cambiamento della fisionomia della società in cui viviamo. Le incertezze e la precarizzazione del lavoro, il rallentamento produttivo e quello dei consumi hanno aggravato situazioni di fragilità già esistenti.
Un’altra conseguenza – meno evidente nel breve periodo, ma che comincia ad emergere chiaramente – è, senza dubbio, rappresentata dell’evoluzione dei dati demografici che esprimono con evidenza un ulteriore rallentamento delle nuove nascite a fronte di una tendenza al forte invecchiamento della popolazione italiana. Nel nostro territorio, caratterizzato da una sempre minore offerta di impiego, questo fattore è ancor più sentito.
Infine, negli ultimi anni abbiamo assistito all’emersione di una nuova fascia di emergenza sociale che caratterizza molte famiglie: quella della vulnerabilità, ovvero di persone non così indigenti da essere intercettate e sostenute dai servizi sociali, ma non più in grado di reggere gli abituali standard economici con conseguenze talvolta devastanti.

Uno dei nodi centrali rimane la questione “casa”. La complessa gestione delle case popolari in molti casi è determinata dalle difficoltà delle Agenzie Territoriali che, in accordo con le amministrazioni locali, devono far fronte alla gestione quotidiana del patrimonio immobiliare pubblico e alla necessità di dare risposte concrete alle esigenze dei cittadini. Da qui la volontà di mettere a fuoco la situazione nel nostro territorio e le reali possibilità di realizzare politiche abitative più efficienti, che sperimentino soluzioni innovative, nei servizi alle giovani famiglie, con asili, scuole, parchi e percorsi sicuri, e nelle formule di locazione agevolate. Studiare approcci differenti, che affrontino uno scenario sociale complesso e problematico in modo pragmatico e innovativo.
Parlare oggi di soluzioni che possono andare da nuove modalità di locazione, di co-housing e social-housing è una responsabilità dirimente affinché la politica faccia un passo avanti per ridare sicurezza a uno degli aspetti centrali della vita di tutti giorni, la casa.

PROGRAMMA

Augusto Ferrari, Assessore Politiche Sociali Regione Piemonte”Le politiche abitative in Piemonte. Una situazione complessa: le azioni messe in campo.
Marinella Franzetti, Vice-Sindaco di Verbania”Il Comune di Verbania, tra emergenza e esigenza di un rilancio per garantire sicurezza a chi è in difficoltà”
Alessandro Rondinelli, Consigliere Comunale del Comune di Omegna”L’iniziativa concreta del PD di Omegna per la gestione delle Case Popolari
Francesco Di Ciò“Le politiche per la casa in Lombardia e gli interventi di sostegno e mediazione abitativa. L’esperienza della Cooperativa Dike”
Matteo Robiglio, Presidente di Homers”Un movimento che sperimenta nuovi modelli dell’abitare: tra desing urbano partecipativo e gestione immobiliare orientata al sociale
Silvia Marchionini Sindaco di Verbania “Uno sguardo al domani, le iniziative per giovani e famiglie”
Enrico Borghi, parlamentare PD, conclusioni

Bando periferie: no allo scippo di otto milioni di euro dal governo giallo-verde, per completare il Movicentro della stazione e la pista ciclabile sul lago tra Suna e Fondotoce

L’emendamento al decreto Milleproroghe proposto dalla maggioranza di governo giallo-verde, al momento approvato solo al Senato, potrebbe spostare e/o annullare la disponibilità dei fondi disponibili dal bando periferie messi a disposizione dal precedente governo di centro-sinistra a guida Partito Democratico.
Soldi veri, già messi nei bilanci di molti capoluoghi di provincia, comune di Verbania compreso.
Infatti, con questi fondi a bilancio, il comune di Verbania ha già indetto la gara per l’assegnazione dei lavori di costruzione del posteggio alla stazione di Fondotoce (in scadenza il 17 agosto) e per il secondo tratto della ciclo pedonale si è già in fase di espropri, con progetti esecutivi già approvati.
Lo ricordiamo: più di otto milioni di euro per il secondo lotto del Movicentro alla stazione ferroviaria di Fondotoce e della pista ciclabile tra Fondotoce e Suna, per la riqualificazione delle spiagge del Buon Rimedio e ai Tre Ponti, l’ampliamento della Casa della Resistenza e un’app di promozione turistica.
Sarebbe folle se venisse ora fermato o rimandato il tutto. I cittadini non posso aspettare oltre per vedere completate opere che si attendono da molti anni, a partire dalle aspettative dei pendolari del VCO per il Movicentro.

Invitiamo le forze politiche locali ora al Governo, Lega e Movimento 5 Stelle, i parlamentari e senatori del territorio di queste forze politiche a intervenire, come hanno già fatto i parlamentari PD, per evitare questo scippo che, nel complesso, interessa 120 capoluoghi di provincia e città metropolitane per una cifra di 2 miliardi e 100 milioni.
Un impegno per confermare i fondi del Governo di centro sinistra. Ci aspettiamo una forte risposta da tutti gli interlocutori per il bene di Verbania e di tutto il territorio.

La segreteria Partito Democratico del VCO

Mobilità: le proposte del PD per Verbania

Mobilità-Città-Ambiente”

 I punti che seguono nel documento rappresentano la sintesi del lavoro svolto all’interno del Circolo PD di Verbania per definire obiettivi e  proposte che riguardano il tema della “Mobilità Urbana”.

Il lavoro si è sviluppato durante  alcuni mesi, attraverso incontri promossi dal circolo a cui hanno partecipato amministratori, tecnici di riferimento, rappresentanti di associazioni, iscritti al partito interessati a dare un contributo o approfondire la tematica.

Si propone quindi all’Assemblea del Circolo PD Verbania di considerare il documento come proposta generale da sottoporre all’Amministrazione; come insieme di elementi di riferimento per orientare la discussione interna inerente al tema della “Mobilità” e per definire gli indirizzi politici e i programmi amministrativi che il Partito Democratico vorrà mettere in campo sul tema “Mobilità Sostenibile”.

1.Fluidificazione dei flussi di traffico di attraversamento della città.

In alcuni periodi dell’anno e in alcuni orari del giorno, si intensificano le code di entrata ed uscita da Intra, dalla rotonda del tribunale, dalla rotonda di Fondotoce.

Le possibilità di realizzare in tempi ragionevoli la circonvallazione di Verbania che alleggerisca il traffico in città si fanno sempre più remote e difficili.

Necessario quindi individuare con interventi a basso costo:

– tutte le possibilità di rendere più fluidi i flussi di traffico in prossimità di Intra, di Pallanza e di Fondotoce;

– le eventuali ipotesi per evitare il centro (in particolare di Intra) utilizzando ed integrando la viabilità esistente.

2.Messa in sicurezza della viabilità urbana.

Negli ultimi anni molto si è fatto per mettere in sicurezza la viabilità urbana con:

– attraversamenti pedonali protetti con isole centrali salva pedoni ed illuminazioni specifiche;

– istituzione di zone 30 per moderare la velocità nelle aree residenziali e sensibili;

– formazione di rotatorie compatte in molte intersezioni.

Molto c’è ancora da fare per poter pensare a Verbania come città che garantisca una viabilità sicura a tutti i suoi cittadini.

Alcune ipotesi di lavoro:

– modifiche della viabilità nelle zone 30 già istituite ed in altre da individuare con interventi di arredo, variazioni di tracciato e sistemazione dei margini stradali per renderle più efficaci e strutturali per produrre concretamente una moderazione della velocità;

– nuovi attraversamenti pedonali protetti dove si evidenziano maggiori rischi ed incidentalità;

– miglioramento della sicurezza viaria in prossimità delle scuole ed attività sensibili dilatando le aree pedonali e riducendo la velocità del traffico;

– interventi lungo i principali assi viari per moderare la velocità quali percorsi ciclabili ed altre tecniche di moderazione del traffico.

3.Individuazione di una rete di percorsi ciclabili urbani.

La riduzione del traffico, la messa in sicurezza della viabilità e la riduzione dell’inquinamento atmosferico dipendono anche dalla realizzazione di una efficace e razionale rete di percorsi ciclabili in città in grado di spostare automobilisti sulla bicicletta e far convivere ciclisti ed auto in piena sicurezza per entrambe.

I percorsi dovranno servire i principali punti di attrazione urbana quali:

– tutte le scuole;

– gli impianti sportivi;

– le aree commerciali;

– centri terziari;

– i parchi pubblici;

– le attività sensibili (biblioteche e centri civici);

– le spiagge;

– i litorali.

I tracciati individuati lungo la viabilità urbana dovranno servire i centri di attrazione attraverso percorsi:

– ottimali nella loro lunghezza e tracciato;

– continui nel loro sviluppo;

– incentivanti la ciclabilità;

– possibili e facili realizzazione.

4.Restituire ai cittadini la pedonalità degli spazi urbani.

Molte le pedonalizzazioni degli ultimi anni (oggi irreversibili).

Molte sono altre parti di città che meritano di essere restituite alla pedonalità per riqualificare e rilanciare l’offerta ambientale ai cittadini ed ai suoi visitatori.

L’accessibilità dei nostri litorali (in particolare Suna e Pallanza)è affidata esclusivamente ai mezzi privati da cui ne consegue una prevalente destinazione dei suoli a viabilità carraia (la stessa di quando era statale) e parcheggi nelle parti paesisticamente più pregiate della città.

Una lettura delle criticità e delle potenzialità di fruizione ambientale porta quindi ad individuare i litorali dei centri di Intra, Pallanza e Suna le aree urbane maggiormente vocate a questa grande operazione di recupero e riqualificazione individuando (per Pallanza e Suna in particolare), nella pedonalità, nella ciclabilità e nel trasporto pubblico l’obbiettivo strategico di medio/lungo termine della loro accessibilità ottimale.

L’obbiettivo è quindi un PROGETTO COORDINATO per:

– un riassetto della viabilità per finalizzarla prevalentemente al trasporto pubblico, all’accesso dei residenti, all’accesso alle attività turistico ricettive, alla ciclabilità;

– la individuazione e realizzazione di nuovi parcheggi a monte del litorale per garantire l’accessibilità;

– la realizzazione di parcheggi al servizio dei residenti all’interno ed in prossimità dei centri;

– la dilatazione delle aree pedonali e verdi;

– l’allargamento e riqualificazione funzionale e qualitativa delle passeggiate a lago;

– offrire un’accessibilità veloce, efficiente e sostenibile attraverso il trasporto pubblico.

5.Piano dei parcheggi pubblici e della sosta.

Occorre conseguentemente procedere alla redazione di un Piano dei parcheggi e della sosta che renda possibili, socialmente sostenibili e coerenti gli interventi individuati conseguentemente:

– alla elaborazione della rete urbana dei percorsi ciclabili;

– alla individuazione degli interventi di messa in sicurezza della viabilità;

– alla individuazione di nuove aree pedonalizzate come riqualificazione e rilancio dell’offerta ambientale della città;

– nonché ad una attenta analisi della dotazione di aree di sosta e parcheggio dei Centri Storici e dei Nuclei di Antica Formazione al servizio dei residenti.

Segreteria PD Verbania

Verbania Innova: convegno sull’agenda digitale il 26 e 27 maggio

Segnaliamo l’importante iniziativa promossa dall’Amministrazione  Comunale di Verbania, “Verbania Innova“.
Convegno/workshop che si svolgerà venerdì 26 e sabato 27 maggio presso il centro eventi Il Maggiore.
Iniziativa fortemente voluta anche dal gruppo consigliare e dal Partito Democratico di Verbania per lavorare sulle questioni che interessano l’ Agenda Digitale, sviluppare idee e proposte con relatori di primo piano e avviare una discussione che coinvolga tutti i cittadini interessati.
A questo link (cliccare qui) potete trovare tutte le informazioni sui due giorni, i temi trattati, i relatori e tutte le indicazioni per poter partecipare.

Nicolò Scalfi
Segretario PD Verbania