Archivi categoria: Scuola e Cultura

Un sito del VCO sulla mobilitazione nelle scuole.

image Si chiama "Scuolapertutti.net" (per vederlo clicca qui), ed è un sito che si propone di facilitare la comunicazione tra i comitati di studenti, insegnanti e genitori sorti in difesa della scuola pubblica nel Verbano Cusio Ossola.
L’uso di Internet rende più fluidi i processi di coordinamento e permette di confrontare e valutare idee e proposte in tempo reale. "Scuolapertutti.net" intende aprire una finestra informativa locale sul movimento civile in difesa della scuola e dell’Università italiana, senza tralasciare il contesto nazionale.
Accanto alle news e ai documenti prodotti dai Comitati e ad una rassegna stampa locale e nazionale, il sito ha attivato un forum per promuovere il dibattito e lo scambio di opinioni. Per favorire il coordinamento sarà inoltre attivata al più presto una newsletter.
Ogni Comitato o organizzazione che invierà dei documenti vedrà comparire le sue informazioni negli spazi comuni e avrà a disposizione un piccolo archivio personale.

Scuola: dal Governo il primo dietrofront!

image Le battaglie di queste settimane contro la riforma Gelmini della scuola, fatte dai cittadini, dagli studenti, dagli insegnanti e dalle forze politiche come il Partito Democratico producono i primi effetti.
E’ di oggi, infatti, la notizia che un emendamento presentato dal relatore di maggioranza al Senato farà slittare alcune delle scelte annunciate qualche settimana fa.
Insomma, un primo chiaro passo indietro del Governo Berlusconi.
Nel merito è rinviata la chiusura delle scuole con meno di 50 alunni e l’obbligo per le Regioni di presentare il piano di ridimensionamento entro il 30 novembre 2008 ed il conseguente commissariamento per quelle inadempienti.
Tutto è per ora rinviato al 2010, ma solo con l’accordo degli enti locali.
Dopo l’opposizione compatta al ridimensionamento della scuola e le manifestazioni, civili e partecipate, di gran parte della società italiana, il governo ha fatto un chiaro passo indietro. Speriamo non l’unico.
Infatti, rimangono in piedi le preoccupazioni sulle scuole primarie con i tagli al tempo pieno e resta in piedi il progetto del maestro unico alle elementari con 10 mila posti in meno nel 2009, ed in più i tagli dei fondi all’università.
Ora è necessario riaprire un confronto a tutto campo, e speriamo che il governo lo faccia, per discutere la riorganizzazione dei servizi scolastici fermo restando il carattere irrinunciabile del diritto allo studio.
Per questo rimane in piedi l’impegno e la mobilitazione del Partito Democratico su questo tema così delicato per il futuro del nostro paese.
Esecutivo PD VCO – PD Ufficio Stampa

Giovedì30 ottobre sciopero generale: a Verbania la manifestazione provinciale

image Segnaliamo e invitiamo alla partecipazione alla MANIFESTAZIONE PROVINCIALE di giovedì 30 ottobre che partirà alle 9.30 dal Liceo Cavalieri a Verbania Suna per concludersi, dopo il corteo, in piazza ranzoni a Intra.
Manifestazione in occasione dello sciopero generale della scuola organizzato da Cgil, Cisl e Uil.
Ricordiamo inoltre le iniziative di mercoledì 29 ottobre 2008, organizzate dal Coordinamento Spontaneo Insegnanti
delle Scuole di Verbania (per contatti csisv2008@gmail.it ) e rivolte a studenti, genitori, insegnanti ecc:
dalle 17.00 alle 19.00 nella palestra del Liceo Cavalieri a Verbania Pallanza spazio alla CREATIVITà – faremo e ascolteremo musica – faremo foto e video – prepareremo documenti, cartelloni, striscioni… – ci confronteremo con un po’ di giornalismo – discuteremo della riforma della scuola – ci informeremo su quello che vogliamo dalla scuola e poi… per chi vuole: si va a mangiare assieme al Circolo della Pastura a Biganzolo
a partire dalle 21.00 nell’auditorium dell’Istituto Cobianchi a Verbania Intra vivremo un momento di INFORMAZIONE e DIBATTITO – parleremo del presente e del futuro della scuola – con chi ha fatto la storia delle istituzioni scolastiche di Verbania – con chi vive la scuola come insegnante, studente o genitore – con chi vive la realtà dell’Università e della ricerca -con chi può chiarire cosa aspetta la scuola a breve tra i relatori: il prof. Franco Bozzuto e il prof. Luciano Brogonzoli, Giovanni Za, Riccardo Brezza…
e poi… sempre nell’auditorium dell’Istituto Cobianchi un po’ di teatro con Silva Cristofari e il gruppo teatro “Wants you”
un po’ di cinema con qualche bella sequenza sulla scuola.

Scuola e riforma Gelmini: una settimana di assemblee nel VCO.

image Tra i primi provvedimenti assunti dal Governo, l’ennesima “riforma” della scuola pone non pochi dubbi sul futuro dell’istruzione pubblica di ogni ordine e grado, e di conseguenza sul futuro dei nostri figli e dei nostri territori: i tagli al personale docente e non, il tempo pieno a rischio, il ritorno al maestro unico, la chiusura dei plessi scolastici con meno di 50 allievi, con 816 plessi a rischio in tutto il Piemonte.
Sono solo alcuni dei temi che saranno affrontati in una serie di incontri pubblici nei prossimi giorni:
– martedì 21 ottobre, alle ore 21.oo, promosso dal coordinamento genitori e insegnanti di Omegna, assemblea pubblica presso l’ITIC di Omegna in via Colombera
giovedi’ 23 ottobre 2008, alle ore 21.00, presso la sala polivalente “ex chiesetta” al parco c.r.i. a Mergozzo, promosso dal circolo PD di Mergozzo, un incontro pubblico con Liliana Graziobelli, Assessore all’Istruzione della Provincia del V.C.O. e Gabriella Prandi, Segretaria Provinciale F.L.C. C.G.I.L., modera Lorenzo Maffioli, Coordinatore Circolo PD Mergozzo
– venerdì 24 ottobre, alle ore 21.00 al centro d’incontro a S.Anna a Verbania, promosso dal coordinamento genitori e docenti di Verbania, una assemblea pubblica dal titolo "Questa è la scuola che vuoi?".

Ordine del giorno del PD sui tagli alla Scuola

image Pubblichiamo l’ordine del giorno che il Partito Democratico del VCO sta presentando in molti consigli comunali della nostra provincia per dire no ad una riforma della scuola che non sia condivisa,ma imposta senza nessuna discussione, e soprattutto per dire no ai tagli indiscrimanati alle scuole di montagna.
L’ordine del giorno è già stato presentato in consiglio provinciale, al comune di Verbania, di Domodossola, di Villadossola, ad Omegna, Gravellona Toce, Crevoladossola e casale Corte Cerro. Nei giorni prossimi sarà presentato anche in molti altri comuni.
Ordine del Giorno
Al Signor Presidente del Consiglio Comunale di
Il Consiglio Comunale della citta di _____________ Considerato che
Il piano presentato dal Ministro Gelmini non può essere presentato come una Riforma in quanto non ha come presupposto quello di contribuire a risolvere i problemi ma è semplicemente l’attuazione dell’articolo 64 della legge
133/08 (legge finanziaria).Esso, infatti, prevede quasi esclusivamente azioni che vanno nella direzione di un considerevole taglio delle (poche) risorse di cui la scuola dispone.
Preoccupato per
• la considerevole riduzione dell’orario di lezione nelle scuole dell’infanzia e nella scuola primaria, che non prevederà più, in pratica, il tempo prolungato, togliendo, in primo luogo, ai nostri ragazzi opportunità formative e mettendo in difficoltà le famiglie che saranno di fatto obbligate a una spesa ulteriore per coprire l’eliminazione del tempo pieno;
• un provvedimento sulla scuola primaria che va ad incidere pesantemente e negativamente sulla scuola primaria considerata un fiore all’occhiello del nostro paese e considerate tra le migliori in Europa;
• la banalizzazione di fenomeni pericolosi quali il “bullismo”. Il Ministro liquida una preoccupante emergenza in modo estremamente superficiale con la reintroduzione del voto di condotta, come se fosse sufficiente per arginare il
problema;
• l’impoverimento della formazione negli istituti tecnici e professionale dovuta ad una riduzione di orario e al taglio dell’attività pratica e dei laboratori;
• l’accorpamento degli istituti scolastici che, tra l’altro prevederà l’eliminazione di tutte le scuole con un numero di studenti non superiore a 50 (e quindi della quasi totalità delle scuole di montagna); nella nostra Provincia, se non saranno previste deroghe per le zone di montagna e disagiate (nel Verbano Cusio Ossola i comuni con scuole di montagna sono 59 su 77), dovrà prevedere nel piano di dimensionamento scolastico la chiusura di 82 sedi su 179 (46,3%) di erogazione del servizio (plessi o sezioni staccate) poichè con un numero di allievi inferiore ai 50, e dovrà anche prevedere l’aggregazione di due istituti superiori (il “Pacle” e il “Dalla Chiesa” di Omegna) poiché sotto la
soglia dei 300 alunni.
• l’innalzamento del coefficiente di studenti per classe superando quello attuale (già eccessivo) di trenta studenti;
• il taglio degli insegnanti di sostegno. Ancora una volta si penalizzano ulteriormente studenti e famiglie in situazione di difficoltà impedendone, di fatto, l’integrazione con il resto della classe e determinando l’aumento di insuccessi scolastici.
Dichiara
ferma contrarietà nei confronti di un provvedimento fatto passare come riforma ma che riforma non è.
Un paese che si dice evoluto non può considerare la scuola come un istituzione in cui effettuare esclusivamente tagli
di risorse. La scuola è una fonte di ricchezza, opportunità, sapere. Deve essere contributo alla crescita delle nuove generazioni che sono il nostro futuro e quindi essere difesa.
Chiede
che il Ministro dell’Istruzione apra, per il bene delle nuove generazioni, un profondo dibattito su come riformare la scuola italiana, coinvolgendo in esso gli attori principali del sistema quali famiglie, studenti e insegnanti. Una vera riforma che non parta da come e dove tagliare risorse, ma da come migliorare una istituzione che, soprattutto a livelli superiori, ci vede agli ultimi posti fra i paesi più industrializzati.
Auspica
che i parlamentari piemontesi facciano proprie le preoccupazioni del Consiglio, comportandosi coerentemente nelle aule parlamentari.

Il governo vuole chiudere 816 suole in Piemonte. Quasi tutte di montagna

image Il governo ha deciso di tagliare 816 scuole in Piemonte. È una delle sorprese contenute nel decreto legge 154 emanato dal governo Berlusconi il 7 ottobre, legato alla "riforma" della scuola del ministro Gelmini: la denuncia è della presidente della Regione Piemonte, Mercedes Bresso, che sottolinea come questo sarebbe il risultato del provvedimento, che impone al Piemonte il taglio di 456 milioni di euro da realizzare cancellando le sedi scolastiche con meno di 50 allievi.
Ma in Piemonte, dove il 52% del territorio è montano – spiega Bresso – le scuole materne, elementari e medie con meno di 50 alunni sono appunto 816, tutte concentrate in zone periferiche e montane, con grandi difficoltà di accessibilità e trasporti, soprattutto nella stagione invernale.
Come ognuno può ben intuire questo taglio avrà pesanti ricadute anche nel territorio del Verbano Cusio Ossola. “Ancora non sappiamo con esatezza il numero delle scuole a rischio, ma ci mobiliteremo per evitare che questa scure colpisca anche il Verbano Cusio Ossola che è di scuole in montagna, visto la nostra morfologia, ne ha molte”. Sono queste le prime parole del coordinatore provinciale del PD Aldo Reschigna che annuncia iniziative istituzionali e politiche per far cambiare idea al governo. Il provvedimento, sottolinea ancora la Bresso ,prevede addirittura il commissariamento per le Regioni che non riusciranno a predisporre un piano di tagli entro il 15 dicembre. E tutto ciò, rimarca, non è stato concertato e neppure annunciato E gli oneri derivanti dall’attivazione di trasporti e dall’adeguamento delle strutture edilizie – conclude – dovrà essere pagato dalle Regioni e dagli altri enti locali, ovviamente con risorse loro.
Già è vergognoso – afferma la presidente del Piemonte – che un governo distrugga finanziariamente una funzione essenziale che passerà alle Regioni fra un anno senza confrontarsi con gli amministratori che si ritroveranno a gestirla con fondi molto inferiori a quelli avuti a disposizione da loro. Ora il governo decide anche che le Regioni dovranno provvedere a ulteriori tagli per 456 milioni di euro. E come dire ’noi non ci siamo riusciti, fatelo voi, cancellando le sedi scolastiche con meno di 50 allievi. è una scelta obbligatoria contenuta nel decreto, ma che formalmente dovrebbero fare le Regioni. Forse al governo non se ne sono accorti, ma l’Italia è morfologicamente complessa e zeppa di comuni piccoli.
Raramente – commenta – si è visto in Italia un esecutivo più centralista di questo che, a parole e nell’impegno di alcuni esponenti, dovrebbe essere invece federalista. Ma a ogni teorico passo avanti ne corrispondono tre indietro. è giusto che la gente sappia: i soldi delle tasse dei cittadini, quelli destinati alle Regioni, ma anche quelli delle altre autonomie locali, vengono gestiti dal governo come se fossero di sua proprietà, senza alcun confronto, contraddicendo gli accordi presi.
PD Ufficio stampa