Archivi tag: Prima Pagina

Primarie 16 dicembre. Dove si vota nel VCO per il segretario PD Piemonte. Candidati Monica Canali, Paolo Furia e Mauro Marino

Le elezioni primarie (aperte anche ai non iscritti) che voteranno per il segretario si svolgeranno domenica 16 dicembre. A questo link dove si vota nel VCO con il Volantino seggi primarie VCO 16 dicembre 2018 

Si vota per scegliere il Segretario regionale del Partito Democratico (tre i candidati: Monica CanalisPaolo Furia e Mauro Maria Marino) e i componenti dell’Assemblea regionale. Possono votare tutti i cittadini che si riconoscono nella proposta politica del PD. Possono partecipare al voto anche i giovani minorenni che abbiano compiuto 16 anni alla data delle Primarie. Bisogna versare due euro.

Comuni di riferimento Luogo Orario
Baveno, Belgirate, Brovello Carpugnino, Gignese, Stresa Sala adiacente portici Municipio, piazza Dante Alighieri 14 Baveno dalle 8 alle 20
Casale Corte Cerro Circolo Arci Rio Grande Ramate, Casale Corte Cerro dalle 8 alle 12.15, poi sino alle 20 nel seggio di Omegna
Bognanco, Crevoladossola, Domodossola, Masera,  Montecrestese,  Premosello Chiovenda, Trasquera, Trontano, Valle Antigorio e Formazza, Valle Vigezzo, Varzo, Vogogna Sede PD, corso Dissegna Domodossola dalle 8 alle 20
Anzola D’Ossola, Gravellona Toce,  Mergozzo, Ornavasso, Sede PD Casa del Popolo via Roma, Gravellona Toce dalle 8 alle 12.15, , poi sino alle 20 nel seggio di Omegna
Arola, Cesara, Madonna del Sasso, Omegna, Nonio, Quarna Sotto, Quarna Sopra, Valle Strona Sede PD, circolo Arci F.Ferraris, via Manzoni, Omegna dalle 8 alle 20
 Arizzano, Bee, Cambiasca, Cannobio, Cannero, Cossogno, Ghiffa, Oggebbio, Miazzina, Premeno, San Bernardino Verbano, Valle Intrasca, Verbania, Vignone,  Trarego Viggiona, Valle Cannobina Sede PD via Roma 24, Verbania Intra dalle 8 alle 20
Beura Cardezza, Pallanzeno, Piedimulera, Pieve Vergonte, Villadossola, Valle Anzasca,  Valle Antrona, Sede PD, via Vittoni Villadossola dalle 8 alle 12.15, poi sino alle 20 al seggio di Domodossola

A questo link le info con il regolamento

I candidati che si sono presentati:
Monica Canalis – 24.11.2018_Mozione-congressuale-CANALIS-Monica
Paolo Furia 24.11.2018_Mozione-congressuale-FURIA-Paolo
Mauro Marino 24.11.2018_Mozione-congressuale-MARINO-Mauro-Maria

Ospedale unico: ultima chiamata per la sanità del VCO. Incontro pubblico venerdì 14.12 ore 20.45 Domodossola

Ospedale unico: ultima chiamata per la sanità del VCO. Incontro pubblico venerdì 14 dicembre, ore 20.45 salone Unione Montana Valle Ossola, via Romita 13,  a Domodossola

Intervengono
Antonio Saitta, assessore regionale alla sanità
Aldo Reschigna, vice presidente regione Piemonte
Enrico Borghi, deputato PD
Silvia Marchionini, sindaco di Verbania
Filippo Cigala Fulgosi, sindaco di Ornavasso
Attillio Guazzoni, primario radiologia ASL VCO
Andrea Guala, primario pediatria ASL VCO
Damiano Delbarba, medico di base
Partecipano rappresentanti di CGIL, CISL e UIL ed esponenti del settore sanitario.

Incontro pubblico aperto a tutti per fare il punto sul percorso verso la realizzazione del nuovo e unico ospedale baricentrico del VCO a Ornavasso.
Un’occasione irripetibile per il rilancio della sanità sul nostro territorio, collegato alla nascita delle Case della Salute.

Elezione segretario regionale PD. Confronto tra i candidati a Pieve Vergonte 11 dicembre

Si svolgerà martedì 11 dicembre 2018, alle ore 21.00 presso il centro Massari a PieveVergonte (via Massari), il confronto tra i candidati alla segreteria regionale del Partito Democratico Monica CanalisPaolo Furia e Mauro Maria Marino.
All’incontro saranno presenti i candidati Paolo Furia e Mauro Marino e, in rappresentanza della candidata Monica Canalis, Rosa Rita Varallo. Occasione nella quale verranno presentati i programmi dei tre candidati alla segreteria regionale del Partito Democratico.
Le elezioni primarie (aperte gli iscritti, elettori e simpatizzanti del PD) per l’elezione del Segretario e dell’Assemblea regionale si svolgeranno domenica 16 dicembre dalle ore 8 alle 20. A breve l’elenco completo dei seggi dove votare nel VCO.

A questo link le info con il regolamento e il programma dei tre candidati http://www.pdpiemonte.it/articoli/congresso-regionale-2018/

Partito Democratico Piemonte

480 mila euro la strada provinciale Valle Strona deliberati dalla giunta regionale del Piemonte

480 mila euro per sistemare la strada provinciale della Valle Strona: è quanto ha deliberato la giunta regionale negli scorsi giorni. Dopo i 270mila euro messi per la 51 delle Quarne, su esplicita richiesta del vicepresidente regionale Aldo Reschigna verrà impiegato quasi mezzo milione per la 52 della Valle Strona.
Come si legge dalla delibera di giunta, i soldi serviranno per la ricostruzione di alcuni muri di sostegno, per l’adeguamento degli attraversamenti pedonali e per il rafforzamento della pavimentazione bituminosa.
I problemi per l’arteria si susseguono da svariati anni. Gli ultimi, in ordine cronologico, si sono verificati durante l’ondata di maltempo delle scorse settimane. Molte piante in mezzo alla strada che conduce a Chesio, frazione del comune di Loreglia, e poi un masso sulla carreggiata vicino all’abitato di Forno. “L’intervento più importante dovrà essere effettuato in zona Prelo perchè nel corso degli anni ci sono stati più smottamenti” sottolinea il sindaco di Valstrona Luca Capotosti. Il più antico cedimento strutturale dei muretti disposti lungo la strada risale al 2013 ed è sito in zona Martinelli, ma già più a valle ci sono problematiche simili, ad esempio all’ingresso dell’abitato di Strona. “Ringraziamo sicuramente la regione per i 480mila euro, ma abbiamo urgentemente bisogno dei lavori perchè è da troppi anni che viviano in una situazione di pericolo – aggiunge Capostosti –. L’inverno è ormai alle porte e i problemi si potrebbero moltiplicare. Ogni giorno centinaia di cittadini percorrono la strada per andare sul posto di lavoro, quindi non possiamo non garantirli la sicurezza necessaria”.

Da vcoazzurratv.it

Gioco d’azzardo patologico: con la legge regionale ridotti soldi spesi e perdite

L’applicazione della legge regionale n.9/2016 sul contrasto al gioco d’azzardo patologico ha prodotto negli ultimi due anni effetti indubbiamente positivi.

I risultati

I dati dell’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli elaborati da Ires Piemonte su incarico della Regione, presentati durante la seduta congiunta della Terza e Quarta commissione del Consiglio regionale alla presenza degli assessori alla Sanità, Antonio Saitta, e all’Istruzione, Lavoro e Formazione professionale, Gianna Pentenero, rilevano che il volume di gioco in Piemonte si è ridotto di oltre mezzo miliardo di euro, passando dai 5,1 miliardi nel 2016 ad una stima di 4,6 miliardi nel 2018, mentre nei tre anni precedenti era in costante crescita (+ 4,6% tra il 2013 e il 2016). Le perdite dei giocatori piemontesi sono così diminuite del 17%, passando da 1 miliardo e 250 milioni nel 2016 a una stima di un miliardo e 30 milioni nel 2018 (-220 milioni in due anni).

In particolare, confrontando il primo semestre 2018, in cui le norme sulle distanze erano ormai in vigore, con il primo semestre 2017, quando non erano ancora efficaci, si osserva una riduzione del volume di gioco complessivo di 119 milioni, per una proiezione di 238 milioni sull’intero anno. Se si considera invece il solo volume di gioco relativo a slot machine e video lottery, la riduzione è ancora maggiore: 228 milioni in sei mesi, 456 milioni nell’intero anno. Allo stesso modo, le perdite legate al gioco su slot machine e video lottery sono diminuite nel primo semestre 2018 di circa 106 milioni (-28% rispetto al primo semestre 2017).

Nel confronto tra il primo semestre 2018 e lo stesso periodo del 2017, si nota una lieve crescita delle perdite del gioco online: 7,5 milioni di euro che salirebbero a circa 15 milioni nel 2018 se il dato del primo semestre venisse confermato. Va ricordato che questo tipo gioco, in forte crescita a livello nazionale (solo nel 2017 è aumentato del 34%), occupa una porzione minoritaria del gioco d’azzardo: si pensi che ben il 72% del gioco complessivo in Piemonte è riconducibile a slot e video lottery. Guarda le slide

Cifre che hanno portato l’assessore Saitta a dichiarare che “la legge ha avuto un effetto positivo ed ha già raggiunto alcuni obiettivi che ci eravamo posti al momento della sua approvazione, cioè la diminuzione dei numeri del gioco in Piemonte. Voglio sottolineare l’impegno della sanità pubblica in tutte le Asl del Piemonte, grazie al lavoro dei Dipartimenti contro le dipendenze, che curano ogni giorno centinaia di pazienti affetti dai danni del gioco compulsivo. Il nostro impegno ora prosegue con azioni di prevenzione e di informazione su tutto il territorio: siamo convinti che l’efficacia della legge sarà ancora più rilevante nell’immediato futuro. Ridurre il numero dei giocatori patologici, al di là degli aspetti economici che già si sono manifestati nel primo semestre del 2018, significa un risparmio consistente anche per la sanità che può essere investito in altri ambiti”.

L’assessora Pentenero ha posto l’accento sul fatto che “la legge ha contribuito in maniera significativa a ridurre i volumi, ma soprattutto, le perdite legate al gioco d’azzardo. Sebbene i suoi effetti dovranno essere necessariamente valutati in un arco temporale più ampio, le prime risultanze indicano una generale riduzione del rischio di esposizione al gioco d’azzardo, che era proprio una delle finalità”.

Le nuove iniziative

La riunione è stata inoltre l’occasione per fare il punto sull’avanzamento del piano delle attività di contrasto e prevenzione del gioco d’azzardo patologico. Tra le molte azioni previste, sono stati illustrati i percorsi formativi rivolti ai gestori delle sale gioco e agli esercenti commerciali, con l’obiettivo prevenire il consumo eccessivo di prodotti da gioco in denaro e aumentare la consapevolezza sui fenomeni di dipendenza da gioco, e quelli indirizzati al personale della polizia locale, perché promuovano politiche di contrasto al gioco d’azzardo patologico (in partenza il primo corso a Torino, aperto agli operatori di tutto il Piemonte.

La conoscenza dei rischi del gioco patologico è al centro anche dei moduli formativi rivolti ai docenti e agli studenti delle scuole superiori piemontesi, dove è prevista la realizzazione di diverse attività di sensibilizzazione.

E’ stato inoltre ricordato il lavoro svolto dal gruppo inter-assessorile istituito subito dopo l’approvazione della legge, con l’obiettivo di aiutare amministrazioni locali, enti e privati cittadini a dirimere gli aspetti interpretativi della legge (oltre 1500 i quesiti a cui gli uffici hanno dato risposta).

Infine sono state illustrate le attività previste dal piano di comunicazione, che si propone di prevenire il gioco d’azzardo patologico aumentandone la conoscenza dei rischi, ed è stato presentato il progetto di software geografico libero che la Regione intende mettere a disposizione dei Comuni per favorire l’individuazione dei luoghi sensibili.

Gianni Gennaro

gianni.gennaro@regione.piemonte.it

Nomina di Spadone a vicepresidente della Provincia del VCO: ecco il primo mirabolante risultato del Referendum pro Lombardia

L’avevamo scritto, e il tempo ci sta dando -ahimè- ragione: il Referendum per la Lombardia, costato QUATTROCENTOMILA euro ai contribuenti del Vco, è stata solamente una operazione di potere interna al centro-destra.
Il primo mirabolante risultato non è tardato ad arrivare: la nomina a Vicepresidente della Provincia targata Arturo Lincio a Luigi Spadone, indefesso promotore del Comitato per il Sì al Referendum. 
Una operazione di potere dai contorni molto chiari, che ha visto sacrificare per le stesse logiche di partito la candidatura a Presidente della Provincia del Sindaco di Premosello Giuseppe Monti, reo di esprimere quella libertà di pensiero e di voto sul Referendum che alcuni partiti hanno applicato, altri solamente sbandierato per non correre il rischio di intestarsi una sconfitta.
Vecchia politica, insomma.

La sEGRETERIA

Partito Democratico
Coordinamento provinciale VCO