Archivi tag: statale 34

I 34 milioni di euro per la statale 34 dichiarati dall’assessore regionale Gabusi già c’erano. Non sono nuove risorse. Basta annunci!

Ai miracoli fatti dagli uomini ci crediamo poco o per niente. Ci sembrava strano che bastasse un semplice incontro tra un “decisionista” come il ministro Toninelli e la nuova giunta regionale del Piemonte per scovare dal cilindro 34 milioni di euro. E come al solito dal cilindro esce ben poco. 

In queste settimane abbiamo visto risorse “sparire” e poi miracolosamente “ricomparire ” il giorno dopo e, in queste ore, riannunciare stanziamenti che sono quelli già previsti da un accordo di programma sottoscritto negli anni scorsi.  

Torniamo ai fatti.

Il lavoro svolto dai Comuni dell’alto Verbano, dalla Regione Piemonte con l’ex ministro Graziano del Rio aveva portato alla sottoscrizione da parte di ANAS, Regione e Comuni di un accordo che prevedeva 25 milioni di euro per i versanti e 35 milioni di euro da parte di Anas per la realizzazione delle prime due gallerie paramassi (delle quattro previste).

L’accordo di programma prevedeva che ANAS avrebbe svolto le attività di analisi della situazione geologica dei quattro punti individuati per la realizzazione delle gallerie paramassi e che i Comuni avrebbero invece affrontato la progettazione su tutti gli altri versanti. Ed è quello che è avvenuto. ANAS ha affidato gli incarichi sulle quattro aree ed i Comuni sulla rimanente parte del territorio, ed i tecnici coordinati dal Politecnico di Torino hanno condiviso dati ed analisi indipendentemente dai soggetti che avevano affidato gli incarichi.

Quindi i 34 milioni di euro annunciati ieri dal neoassessore regionale Gabusi, sono quelli previsti da quell’accordo di programma già sottoscritto, e non siamo in presenza di nuove risorse rispetto a quelle che erano state stabilite.

Ora il problema è semplicemente questo: vogliamo affrontare il tema grave della strada stale 34 in modo concreto o attraverso continui annunci? Forse conviene evitare, per rispetto della gravità della situazione della strada statale 34 questo stillicidio comunicativo, perché anche in “una società della comunicazione” si richiede serietà.

Aldo Reschigna
On. Enrico Borghi


Partito Democratico
Coordinamento provinciale VCO

Accuse false da on. Cristina. I fondi per la statale 34 sono fermi perché il Ministero non ha firmato la Convenzione.

Accuse false e immotivate dall’onorevole Cristina. I fondi per la messa in sicurezza della statale 34 sono fermi perché il Ministero non ha ancora firmato la Convenzione.

L’onorevole di Forza Italia Mirella Cristina prima di lanciare accuse immotivate e false dovrebbe occuparsi del problema della strada statale 34, cosa che non ha mai fatto nella sua veste di parlamentare, visto che l’inghippo sta tutto al Ministero delle Infrastrutture che da oltre un anno non è certo guidato dal PD.

Veniamo ai fatti.

La Regione Piemonte inserisce nel programma FSC Piemonte 25 milioni di euro per la sistemazione dei versanti della strada statale 34, tale programma viene approvato dal CIPE (organismo governativo per  la programmazione economica) quando ministro delle infrastrutture era Graziano del Rio del PD.

Successivamente la Regione avvia incontri con il Ministero delle Infrastrutture per la definizione della convenzione di attuazione dell’intervento e, nel frattempo, cambia il Governo ed il ministro delle infrastrutture.

Faticosamente la Regione arriva a concordare la convenzione che viene approvata con delibera di Giunta nel febbraio di questo anno ed inviata al Ministero perché possa essere sottoscritta, cosa che ad oggi non è avvenuta per responsabilità evidente del Ministero delle Infrastrutture.

Quindi nel denunciare i ritardi del Ministero delle infrastrutture e nel condannare la politica bugiarda della onorevole Cristina le consigliamo, se vuole essere utile al territorio, al posto di rivolgere accuse false al PD di fare quello che ha fatto l’onorevole Enrico Borghi: e cioè di sollecitare il ministro competente Toninelli a firmare la convenzione senza aspettare di nominare, forse, l’ennesima commissione di esperti.

Aldo Reschigna— 

Partito Democratico
Coordinamento provinciale VCO

Slittamento fondi SS34, Borghi interroga il ministro Toninelli

L’onorevole del PD Enrico Borghi  ha annunciato ieri sera, con un intervento in Aula, un’interrogazione urgente al Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti Danilo Toninelli per la notizia emersa in giornata dello slittamento dello stanziamento dei 25 milioni di euro di fondi FSC al 2020 per la messa in sicurezza della SS34. 

E’ necessario fare immediatamente chiarezza su quanto è emerso oggi (ieri ndr) – commenta il deputato democratico – l’intervento sulla SS34 del Lago Maggiore è assolutamente prioritario e necessario, non possono essere giustificabili rinvii o disimpegni rispetto alle risorse che a suo tempo vennero stanziate dal Governo Gentiloni e dalla Regione Piemonte a guida Chiamparino. L’intervento era previsto per il 2019, Toninelli spieghi in Parlamento e ai Sindaci del territorio del Vco il perchè di questa scelta.”

SS 34 del lago Maggiore: il Governo si impegna alla copertura finanziaria dei lavori di messa in sicurezza

Si è discussa ieri alla Camera dei Deputati l’interrogazione parlamentare dell’On. Enrico Borghi (PD) in merito alle risorse da allocare per la realizzazione dei lavori di messa in sicurezza della strada statale 34 del Lago Maggiore

Il Governo nella persona del Sottosegretario di Stato alle Infrastrutture Umberto Del Basso de Caro, si è formalmente impegnato alla copertura dei lavori, una volta terminata la condivisione del progetto tra Regione Piemonte e Comuni interessati.

Il Governo attraverso il sottosegretario di Stato alle Infrastrutture Umberto Del Basso de Caro ha dichiarato: “Confermo che sono in corso intese con ANAS, Regione Piemonte e comuni territorialmente interessati per la condivisione di interventi di messa in sicurezza del transito. All’esito delle valutazioni tecniche, nell’ambito delle previste revisori annuali del contratto di programma Mit-ANAS 2016-2020, sarà affrontato il problema della copertura finanziaria per gli interventi che si riterranno necessari” .

Statale 34 del lago Maggiore: l’impegno del ministro Delrio

Il Ministro Graziano Delrio ha confermato l’impegno suo e del Ministero per la messa in sicurezza della strada #statale34 del Lago Maggiore: si lavorerà per inserire l’opera nel Contratto di programma con Anas 2016-2020. Lo ha riferito lo stesso Delrio prima in una telefonata al sindaco di Cannobio Giandomenico Albertella e poi nell’incontro a Torino con i vertici della Regione.

Spiegano il governatore Sergio Chiamparino, il suo vice Aldo Reschignae l’assessore ai Trasporti piemontese Balocco: <Si è convenuto che, indipendentemente dal contratto di programma dell’Anas, che comunque verrà modificato in quanto considerato superato in alcune parti rispetto alle priorità emerse ,il ministero garantisca all’Anas le risorse per la messa in sicurezza dei versanti della SS 34. Per quanto riguarda la realizzazione delle gallerie paramassi, è stato chiesto dal ministero un approfondimento tecnico all’Anas, teso a verificare la fattibilità e la compatibilità in termini ambientali dell’intervento>.

Ricordano anche che la Regione Piemonte ha avanzato da due mesi una richiesta al ministero della coesione sociale per una integrazione sul fondo di sviluppo e coesione del Piemonte, con una ulteriore assegnazione di 25 milioni di euro da destinare a interventi proprio sulla SS 34.

Il sindaco di Cannobio Albertella sta seguendo con attenzione da mesi la vicenda, <Dobbiamo tradurre questi impegni in atti formali> afferma, l’obiettivo è arrivare nel mese di settembre alla stesura dell’accordo di programma, <Un atto fondamentale per passare dalle parole ai fatti> precisa. Un protocollo nel quale saranno definiti ruoli, risorse, tipo di intervento, piano di attuazione che sarà spalmato in 3/4 anni. <E’ un diritto sacrosanto per turisti, residenti, studenti, frontalieri transitare in sicurezza lungo quella strada, continuerò a monitorare procedure e atti perché si arrivi ad una soluzione definitiva> conclude il sindaco.

Nei giorni scorsi la notizia dell’esclusione dell’intervento dal contratto pluriennale aveva suscitato indignazione e preoccupazione in primis da parte del primo cittadino di Cannobio e poi da parte dei frontalieri, dell’Ente Bilaterale del Turismo del Vco e ancora della famiglia del centauro vittima della frana caduta a marzo.