Archivi tag: Lucio Pizzi

il sindaco Pizzi vuole vendere la Farmacia Comunale e privatizzare i servizi del Cimitero. Nel merito non risponde, scappa e butta fango.

Stiamo ai fatti: il sindaco Pizzi vuole vendere la Farmacia Comunale e privatizzare i servizi del Cimitero. Nel merito non risponde, scappa e butta fango.

La stizzita risposta del sindaco di Domodossola Lucio Pizzi alle nostre osservazioni sulla vendita della Farmacia Comunale e sulla privatizzazione dei servizi del Cimitero voluta dalla sua Amministrazione, evocando la macchina del fango e parlando a vanvera di “pali non piantati” (che ci azzecca?), evidenzia la volontà di scappare a gambe levate dal problema e dal merito da noi sollevato.
La questione è chiara: il sindaco Pizzi vuole vendere la Farmacia Comunale e privatizzare i servizi del Cimitero. La prima domanda da porsi è: cosa ha fatto in questi cinque anni l’Amministrazione per facilitare il funzionamento della Farmacia e per risolvere il problema dei servizi cimiteriali?
E la seconda domanda a cui non può girarci in giro è: “cui prodest”? Chi se ne avvantaggia?
Per noi non sono certo i cittadini di Domo ad avvantaggiarsi, certamente non la Comunità nel suo insieme che dalla vendita della Farmacia Comunale e dalla privatizzazione dei servizi del Cimitero avrà solo da perderci (anche economicamente).
Pizzi dimostri il contrario.

Gruppo Consiliare e Segreteria Partito Democratico Domodossola

ll Partito Democratico del VCO ha attivo un canale #Telegram utile per ricevere in tempo reale informazioni sulla nostra attività, incontri, proposte, ecc. Iscriversi è semplice. Basta un click e un numero di cellulare. Link diretto https://t.me/partitodemocraticoVCO

Domodossola: vendere la Farmacia Comunale e privatizzare i servizi del Cimitero: due clamorosi errori di fine mandato del Sindaco Pizzi.

Le preoccupazioni della pandemia rischiano di nascondere agli occhi dei cittadini due sciagurate iniziative che l’Amministrazione comunale di Domodossola sta mettendo in piedi nell’ultimo scorcio di mandato.
La prima è l’ipotesi di vendita della Farmacia Comunale, per la quale il sindaco Lucio Pizzi ha già dato un incarico da ottomila (!) euro ad un legale milanese, che sarebbe giustificata secondo il Sindaco, da tre bilanci negativi.
Il Presidente della Farmacia Pasquali ha già dato ampi chiarimenti sulle iniziative che, realisticamente, sono in grado di riportare l’Azienda in attivo tramite una significativa riduzione dei costi. Inoltre, la nomina di una nuova direttrice, motivata, giovane e di provenienza interna alla farmacia, non potrà che portare energie fresche e nuove idee per l’ulteriore rilancio delle attività con il supporto di tutto il personale.
Vale la pena ricordare che l’Azienda pluriservizi “Farmacia Comunale” è costituita dal negozio farmacia, che comunque non limita la propria attività alla mera vendita di farmaci ma eroga, a beneficio della comunità, servizi quali la consegna a domicilio di medicinali e presidi sanitari (così prezioso in tempo di pandemia) e dall’attività di supporto per una serie di attività sociali – tra cui Università della Terza Età e il trasporto alunni – che dalle entrate del negozio sono sostenute.
Una volta venduto il negozio – che, comunque, tornerà in utile a seguito delle iniziative già avviate – con quali soldi e con quali forze lavoro si sosterranno le attività sociali ora collegate? Ma, soprattutto, cosa ha in mente di fare il sindaco Pizzi con i soldi incassati dalla vendita del negozio farmacia? Comprare dai soliti noti altri cubi di pietra nera?
Se l’Amministrazione Cattrini del centro sinistra lasciò bilanci attivi, non dovrebbe essere così difficile tornare ad un sano equilibrio economico.   
A ciò si aggiunge la proposta di privatizzare i servizi del Cimitero: viene da dire che i morti si rivolteranno nelle tombe. Al di là del giudizio, è certo che il tutto – magari non subito, ma certamente su tempi più lunghi – si risolverebbe in un aumento delle tariffe a carico dei cittadini.
L’idea di fondo che sta alla base di queste due iniziative – vendere la Farmacia e privatizzare i servizi del Cimitero- è che il Pubblico non sa amministrare e quindi è meglio consegnarlo ai Privati. In subordine viene la considerazione che, quando la gestione pubblica presenta qualche complicazione, me ne devo disfare.
Noi del Partito Democratico siamo ancora convinti che amministrare la Città vuol dire anche salvaguardare le ricchezze ereditate dalla saggezza di chi è venuto prima di noi, come nel caso della Farmacia Comunale, ed impegnarsi per far funzionare e mantenere il giusto costo dei servizi essenziali, come è quello del Cimitero, senza ricorrere a sciagurate scorciatoie.

La Segreteria ed il Gruppo Consiliare del Partito Democratico Domodossola

ll Partito Democratico del VCO ha attivo un canale #Telegram utile per ricevere in tempo reale informazioni sulla nostra attività, incontri, proposte, ecc. Iscriversi è semplice. Basta un click e un numero di cellulare. Link diretto https://t.me/partitodemocraticoVCO

RISSE, VENDITA ALCOLICI, DISTANZIAMENTO. Le Timidezze del Sindaco Pizzi. Interpellanza PD a Domodossola

Dopo la grancassa estiva sui migranti, con la vergognosa chiusura del parchetto di piazza Matteotti accompagnata dai soliti sproloqui muscolari, le risse durante le “movide” settembrine, così come quelle di inizio anno, hanno trovato il Sindaco Lucio Pizzi sorprendentemente timoroso ed inattivo.

E’ vero che qui il lockdown c’entra poco perché il profondo malessere che va avanti da lungo tempo nasce da una cultura individualista che, togliendo il senso di appartenenza sociale – il senso di “Comunità”- ha posto al centro del mondo, non solo giovanile, l’egoismo dell’“io”.

Ma si sa che affrontare questioni così “alte” non paga elettoralmente ed allora il nostro Sindaco si guarda bene da metterci mano. Tuttavia, ci sono cose semplici e doverose che il Primo Cittadino dovrebbe comunque fare.

Per esempio, verificare l’efficacia dei controlli sulla vendita di alcolici ai minorenni attraverso la necessaria interlocuzione con le locali Organizzazioni Commerciali e dei Pubblici Esercizi, come è importante definire e concordare le specifiche modalità di intervento delle Forze dell’Ordine rispetto al problema dei distanziamenti, con particolare riferimento all’azione di consiglio, ammonimento e dissuasione.

Ora, è anche possibile che il sindaco Pizzi abbia comunque svolto questi suoi doveri, ma di tutto ciò al Consiglio Comunale non giunge alcuna informazione e, men che meno, nessun invito viene indirizzato ai Consiglieri per una comune discussione.

L’interpellanza (in allegato ) che il Gruppo Consiliare del Partito Democratico ha presentato in questi giorni sull’argomento ha lo scopo di stimolare la doverosa presa di coscienza di questa Amministrazione e di ottenere qualche risposta per i cittadini che sono rimasti impotenti di fronte a questi preoccupanti episodi.

Partito Democratico
Segreteria e Gruppo Consiliare Domodossola

ll Partito Democratico del VCO ha attivo un canale #Telegram utile per ricevere in tempo reale informazioni sulla nostra attività, incontri, proposte, ecc. Iscriversi è semplice. Basta un click e un numero di cellulare. Link diretto https://t.me/partitodemocraticoVCO

Lucio Pizzi, sindaco di Domodossola