Archivi tag: scuola

Trasporti scolastici: urgente istituire una cabina di regia.

In questi primi giorni di Scuola, la cui apertura certamente ha richiesto un notevole sforzo da parte delle Istituzioni e specialmente dei Dirigenti scolastici per ottemperare a tutte le nuove e necessarie norme, è emerso, segnalato da più parti, il problema del sovraffollamento dei bus e dell’organizzazione dei trasporti scolastici.

Ci pare, senza voler fare inutili ed improduttive polemiche, che possa essere di buon senso fare una sorta di “tagliando” dopo le prime settimane a questo importante servizio, ricordando che le Istruzioni a cui è in capo la competenza in materia sono la Provincia del VCO e la Regione Piemonte.

La Provincia del VCO, che forse avrebbe dovuto tenere, per il tramite dei consiglieri Albertella e Oliva, un profilo in po’ più basso e prudente invece di annunciare in pompa magna che di problemi non ve ne sarebbero stati, convochi velocemente una cabina di regia con tutte le Istituzioni competenti al tavolo per cercare di studiare tutte le soluzioni praticabili.

Ci permettiamo di consigliare, vista l’eccezionalità degli eventi, che sarebbe opportuno che la cabina di regia fosse permanente per poter fronte a tutte le eventualità che potrebbero verificarsi in corso d’opera in questo eccezionale anno. Nessuno afferma che sia facile trovare le soluzioni proprio in virtù di questa eccezionalità, ma, appunto per questo, da parte di Provincia e Regione non dovrebbe essere lasciata in balia degli eventi la volontà di governare questa situazione” afferma la Segretaria del PD Provinciale Alice De Ambrogi.

Interviene anche il Consigliere regionale PD Domenico Rossi affermando che “Il tema è stato già affrontato in commissione e le difficoltà del potenziamento del servizio sono legate da un lato alla mancanza di risorse e dall’altro a questa fase iniziale di orari provvisori. C’è un impegno a potenziare il servizio da parte dell’Assessore che verificheremo nelle prossime settimane. Abbiamo anche suggerito di ricorrere al noleggio di nuovi mezzi che la regione deve impegnarsi a coprire dal punto di vista economico. Depositerò un’interrogazione specifica per fare il punto sul VCO e il quadrante nord-est“.

Domenico Rossi  – Consigliere regionale PD
Alice De Ambrogi  – Segretaria PD VCO

Partito Democratico VCO

Per rimanere sempre aggiornati in tempo reale su notizie e comunicati del PD del VCO iscriviti al servizio gratuito su #Telegram https://t.me/partitodemocraticoVCO

Contributi centri estivi nel VCO: oltre 265 mila euro dal Governo, zero (0) dalla regione Piemonte

Durante l’incontro on line organizzato ieri sera dal Partito Democratico del Verbano Cusio Ossola , coordinato da Alice De Ambrogi (Segretaria Provinciale Pd VCO) e al quale sono intervenuti Monica Canalis (Consigliera Regionale PD) , Enrico Borghi (deputato PD) e Riccardo Brezza (Assessore alla cultura e all’istruzione del Comune di Verbania) sono stati affrontate tematiche legate all’avvio dei centri estivi e, più in generale, alle politiche per le famiglie e per la ripresa delle attività educative e scolastiche.

È emerso, come già denunciato da Monica Canalis e da noi ripreso recentemente, che la Regione Piemonte non ha tuttora messo a disposizione alcuna risorsa per i centri estivi ai Comuni. Le uniche risorse disponibili per l’attività sono quelle che ha stanziato il Governo, così come Enrico Borghi ha esposto durante la discussione. Nello specifico il Deputato del territorio ha evidenziato che per il Comune di Verbania sono stati erogati 63 mila euro, per Domodossola 38 mila, per Omegna 34 mila, per Gravellona 20 mila, per Baveno e Crevoladossola 11 mila, per Casale Corte cerro 9 mila, e così via in maniera proporzionale per altri  comuni del VCO per un totale di oltre 265 mila euro.

Risorse importanti (150 milioni di euro per tutta Italia) e subito disponibili che permetteranno ai Comuni, che sin da subito hanno iniziato a lavorare, superando non poche difficoltà, come ha raccontato l’assessore Brezza, in sinergia con i diversi attori del terzo settore, per realizzare un fattivo ed importante supporto alle famiglie e alla formazione dei più piccoli.

Liceo Cavalieri: altro errore e giravolta della Provincia con Lincio/Albertella

Dopo l’annuncio di dissesto (e la precipitosa retromarcia), assistiamo ad un altro atteggiamento poco chiaro e incoerente della nuova amministrazione provinciale guidata da Arturo Lincio e Giandomenico Albertella, in questo caso sulle scelte riguardanti il #Liceo Cavalieri di Verbania.
Come PD Verbania abbiamo sostenuto la scelta dell’amministrazione comunale di Verbania di Silvia Marchionini che ha supportato, con 200 mila euro, alcuni investimenti a favore del Liceo cittadino, assieme all’ex Presidente della provincia Stefano Costa, perché possano realizzarsi nuove aule nel plesso scolastico.
Non appena insediata, la nuova amministrazione provinciale ha fatto marcia indietro, sostenendo che i costi del progetto sono lievitati passando da 700 mila € a 1 milione e 100 mila €. Ad oggi nessuno ha ancora capito quali siano le cause di questo aumento dei costi.
Sulla scelta invece del trasferimento degli studenti assistiamo ad un balletto della Provincia che non aiuta né la scuola né chi la vive quotidianamente. Ieri il trasferimento sembrava una certezza come annunciato dal consigliere provinciale delegato all’edilizia scolastica Giandomenico Albertella, oggi invece sembra possa essere evitato anche grazie a soluzioni tecniche proposte dal Comando Provinciale dei Vigili del Fuoco.
La maggioranza Lincio-Albertella non prenda scelte sulla testa di docenti e studenti.
Noi siamo al loro fianco, con l’impegno concreto dell’amministrazione comunale che si è resa sempre disponibile a dare risposte, anche in termini di sostegno economico finanziario alla scuola.

Nicolò Scalfi
Segretario 
PD Verbania

Oltre 2 milioni dal Governo alle scuole del VCO

scuolaE’ stato pubblicato ieri sulla gazzetta ufficiale il decreto del Governo che stanzia le risorse per le province per interventi sull’edilizia scolastica.
Delle 49 province italiane che hanno fatto richiesta il Vco risulta essere la seconda per stanziamento: 2.349.000 euro, dietro solamente alla Provincia di Rimini che ha ottenuto 4.549.000 euro.
A beneficiare di questi interventi saranno i lavori, di prossimo avvio, del nuovo Istituto Alberghiero “Maggia” per la quota parte finanziaria già coperta da mutuo presso la Cassa Depositi e Prestiti che, grazie a questo provvedimento, sarà ininfluente, per egual cifra, in termini di rispetto del Patto di Stabilità da parte della Provincia per il corrente anno.
Esprimono grande soddisfazione il Presidente della Provincia Stefano Costa e l’on. Enrico Borghi.
Ancora una volta il Governo Renzi ha dimostrato grande sensibilità e attenzione per le esigenze dei territori periferici come quello del Vco – commenta il parlamentare ossolano – le risorse disponibili permetteranno alla Provincia di intervenire su problematiche importanti che, finalmente, potranno essere risolte.”
“E’ un aiuto concreto in un momento di estrema difficoltà, non risolutivo ma che sicuramente lascia ben sperare per una possibile quanto indispensabile ‘quadratura del cerchio’ in termini di bilancio 2016”.

Borghi: riquialificazione delle scuole, oltre tre milioni di euro

scuola verbaniaEsprime soddisfazione il deputato del Partito Democratico Enrico Borghi, capogruppo Pd in commissione ambiente, territorio e lavori pubblici della Camera, per la notizia odierna relativa all’avvenuto sblocco delle risorse per i primi interventi finanziati attraverso il bando ‘scuole sicure’ per l’anno 2015
“La notizia di oggi è estremamente positiva – commenta il parlamentare ossolano – abbiamo avuto la conferma dal Ministero dell’Istruzione, di concerto con quello dell’Economia, dello stanziamento effettivo e bollinato per i primi interventi sulle scuole del nostro territorio relativi al primo anno della programmazione triennale, ovvero il 2015”.
I comuni del Vco che a suo tempo fecero richiesta e che sono stati individuati dal Ministero come beneficiari del contributo, sulla base della selezione compiuta dalla Regione Piemonte, sono Druogno (313.641,64 euro), Baveno (800.000,00 euro), Anzola (232.118,58  euro), Pieve Vergonte (800.000,00 euro), Vogogna (233.560,45 euro) e Villette (41.517,35 euro) per un totale del Verbano Cusio Ossola di 2.420.838,02.
Per la provincia di Novara: Casalino (100.000 euro), Grignasco (800.000 euro), Invorio (60.700 euro), per un totale di 960.400 euro.
Gli interventi saranno effettuati nelle prossime settimane, in quanto una delle caratteristiche richieste dal Ministero era l’immediata cantierabilita’ degli interventi, e non saranno soggetti a patto di stabilità.

Gli ulteriori interventi inseriti nella programmazione unica nazionale verranno successivamente finanziati con fondi a valere sugli anni 2016 e 2017.

“Si tratta di una risposta concreta che parlamento e governo danno ai nostri territori e ai nostri comuni – conclude Borghi – i temi della messa in sicurezza degli edifici scolastici e dell’investimento nell’istruzione tornano ad essere una priorità anche nei prossimi anni per il rilancio del nostro paese e del nostro territorio, per una scuola sempre più di qualità’, sia nella didattica che nell’edilizia”.

Dieci milioni per l’edilizia scolastica del VCO

scuolaliceoomegnaOttime notizie per le scuole del territorio, sono in arrivo finanziamenti importanti, erogati direttamente dallo Stato, per interventi che riguardano gli edifici scolastici.
In tutto stiamo parlando di 10, 5 milioni di euro che saranno spesi nei prossimi tre anni per l’ammodernamento delle scuole dell’area montana del Vco, in particolare a:
Druogno (313.641,64); Baveno (800.000); Anzola Ossola (232.118,05); Pieve Vergonte (800.000); Vogogna (233.560,45); Villette (41.517,35); Domodossola (2.399.499); Cesara (160.525); Montecrestese (420.000); Beura Cardezza (66.424,24); Crevoladossola (671.560); Masera (240.000); Ornavasso (52.390,78); Cambiasca (104.800), Verbania (29.204,29).
Tutti gli interventi citati sono i più urgenti che riguardano quindi il 2015, annualità che ha quindi un importo complessivo di 6.565.242,11 euro.
Ma il piano triennale prevede finanziamenti anche per il 2016 e il 2017, come di seguito elencati: Baceno (800.000); Calasca Castiglione (31.294,21); Villadossola (46.696,42), Verbania (350.000); Omegna (per il tramite della Provincia, 800.000); Domodossola (per il tramite della Provincia, 800.000); Verbania (per il tramite della Provincia, 800.00); Arizzano (281.990).
Per un totale complessivo di interventi sul territorio del VCO di 10.475.233 € su 202.297.231,71 attribuiti alla Regione Piemonte: “I fondi stanziati dal Governo italiano, e assegnati ai comuni dalla Regione Piemonte, sono una risposta concreta alle esigenze del territorio, e arrivano in un periodo difficile per la nostra economia e per la scuola .– commenta Enrico Borghi, capogruppo del Partito Democratico in Commissione Ambiente, Lavori Pubblici e Territorio della Camera – si tratta di finanziamenti fondamentali per garantire una scuola più efficiente e sicura, senza dimenticare che saranno anche un volano per il rilancio dell’economia territoriale. Mi preme anche sottolineare che questo tipo di finanziamento non andrà a rincarare il rischio di sforamento del patto di stabilità, una richiesta più volte avanzata dai sindaci e su cui il governo ha posto particolare attenzione.
Troppo spesso gli edifici scolastici sono alla ribalta della cronaca per avvenimenti gravi come crolli strutturali o mancanza dei servizi base – ha continuato Borghi– con questo intervento del governo invece, le scuole potranno essere ammodernate ed efficientate. In questo processo di miglioramento non è stata esclusa l’area montana del Vco, che invece entra in graduatoria con una folta presenza di Comuni e con una percentuale sull’intero Piemonte superiore rispetto al rapporto tradizionale sulla popolazione. Segno evidente che questo finanziamento era un’esigenza non più prescindibile per le scuole del nostro territorio. Continua quindi a dimostrarsi in modo concreto l’impegno del governo nel campo dell’edilizia scolastica, un impegno iniziato fin dai primi mesi della legislatura e destinato a continuare anche nei prossimi anni con rinnovato vigore, anche grazie al lavoro di coordinamento e di istruttoria da parte della Regione Piemonte, che per il tramite del vicepresidente Aldo Reschigna intendo ringraziare”.

Il decreto del Ministro dell’economia e delle finanze di concerto con il Ministro dell’istruzione dell’università e della ricerca e con il Ministro delle infrastrutture e dei trasporti, varato su iniziativa legislativa del Parlamento, stabilisce che le Regioni interessate possano essere autorizzate a stipulare appositi mutui di durata trentennale con oneri di ammortamento a totale carico dello Stato (purchè fatti con la Banca europea per gli investimenti, con la Banca di sviluppo del Consiglio d’Europa o con la società Cassa depositi e prestiti) e senza che le somme finanziate vadano a incidere sullo sforamento del patto di stabilità. Gli interventi riguarderanno lavori straordinari di ristrutturazione, miglioramento, messa in sicurezza, adeguamento sismico, efficientamento energetico di immobili di proprietà pubblica adibiti all’istruzione scolastica, nonché la costruzione di nuovi edifici scolastici pubblici e la realizzazione di palestre scolastiche nelle scuole o di interventi volti al miglioramento delle palestre scolastiche esistenti. Insomma, tutti interventi urgentissimi che in molti casi non possono più essere rimandati. Il tutto è inserito nel Piano Triennale e Annuale del fabbisogno 2015-2017 appena approvati in Regione Piemonte.